Malattia di Kawasaki

di Marco Mancini Commenta

Malattia di Kawasaki

La malattia di Kawasaki è una condizione rara che per la prima volta è stata osservata in Giappone nel 1960. E’ nota anche come sindrome mucocutanea linfonodale. La malattia di Kawasaki causa una febbre prolungata e diversi danni al cuore e ai vasi sanguigni.

CAUSE: La causa è sconosciuta ma si pensa che un virus o infezione batterica posanno essere responsabili. La malattia di Kawasaki colpisce meno di un bambino ogni 25.000. È più comune nei bambini sotto i cinque anni ed è rara sopra gli otto anni. Gli asiatici e afro-caraibici hanno maggiori probabilità di sviluppare la malattia di Kawasaki, ed i bambini sono interessati un po’ più spesso rispetto alle bambine. Circa un malato su cinque subirà un danno cardiaco a causa della malattia, ma questo può migliorare con il passare del tempo.

SINTOMI: I sintomi della malattia di Kawasaki appaiono in diverse fasi. Il primo sintomo è una febbre che dura almeno cinque giorni. Nelle fasi iniziali è difficile distinguere la malattia da un forte raffreddore. Entro un paio di giorni di febbre derivano congiuntivite ad entrambi gli occhi e dolore delle ghiandole del collo che possono apparire gonfie.

Dopo alcuni ulteriori giorni uno sfogo può apparire a chiazze rosa sul tronco e la zona genitale, le labbra possono diventare secche, rosse, gonfie, si possono rompere e la lingua diventa rossa e gonfia come una fragola; le palme delle mani e le piante dei piedi dei piedi diventano gonfie e viola-rosso.

TERAPIA: Il trattamento rapido riduce il rischio di complicanze cardiache collegate e potenzialmente pericolose per la vita. Il trattamento avviene di solito con gammaglobulina endovenosa (anticorpi purificati). L’aspirina ad alte dosi è data anche per ridurre il rischio di aneurismi dell’arteria coronarica.

PROGNOSI: Durante il periodo di recupero la pelle delle dita delle mani e dei piedi può sbucciarsi. Alcuni lamentano dolori addominali, diarrea e vomito. Le complicanze della malattia di Kawasaki includono:

  • Infiammazione dei vasi sanguigni (vasculite);
  • Infiammazione del muscolo cardiaco (miocardite);
  • Aneurismi nelle arterie che aumentano il rischio di coaguli di sangue e di attacchi di cuore.

La malattia è fatale per un bambino ogni 50 colpiti.

PREVENZIONE: Al momento non è possibile prevenire la malattia di Kawasaki.

[Fonte: BBC]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>