Pasteurellosi

di Marco Mancini Commenta

Pasteurellosi

La pasteurellosi è causata da un batterio e di solito viene trasmessa da cani o gatti e, più raramente, conigli e alcuni uccelli e pesci. La Pasteurella multocida, la più comune delle specie del batterio Pasteurella a causare problemi sul piano umano, è un batterio presente nella maggior parte dei mammiferi. Di solito è innocuo, ma a volte può portare ad una malattia causata Pasteurellosi, che è particolarmente importante nei conigli dove è conosciuta come febbre del coniglio.

CAUSE: La P. multocida è presente nella saliva, nelle vie respiratorie e nel materiale fecale degli animali. La forma più comune di infezione negli esseri umani avviene attraverso un morso o un graffio, di solito da un gatto o cane che trasporta i batteri. Una volta che i batteri sono passati ad una persona, c’è la possibilità che essi possano continuare a svilupparsi fino alla pasteurellosi. I casi stimati della malattia sono centinaia ogni anno, ma i decessi sono molto rari.

SINTOMI: I primi segni di Pasteurellosi si possono verificare un paio d’ore dopo l’infezione, e comprendono

  • Dolore;
  • Rossore;
  • Gonfiore intorno alla zona del contagio;
  • Cellulite;
  • Ascesso nei tessuti molli e dell’osso.

Se l’infezione si diffonde ed entra nel circolo sanguigno, può causare sintomi simil-influenzali, come febbre, mal di testa, brividi e gonfiore delle ghiandole, e se non curata può provocare ascessi o infezioni in qualsiasi parte del corpo, in particolare la polmonite, meningite e la setticemia o in rari casi può essere fatale.

TERAPIA: La pasteurellosi è una patologia altamente prevenibile e curabile. Gli antibiotici standard possono prevenire ulteriori infezioni, il rischio c’è solo se l’infezione non viene curata. Se siete stati graffiati o morsi da un animale, si consiglia di lavare accuratamente la ferita, usando un sapone disinfettante, e di consultare un medico.

Le persone immunodepresse sono a maggior rischio di gravi complicazioni, come per qualsiasi infezione, e quindi dovrebbe consultare immediatamente un medico. I veterinari di solito tranquillizzano i proprietari di animali domestici, dicendogli di non preoccuparsi in quanto il batterio è estremamente comune e di solito innocuo, ma in ogni caso morsi o graffi devono essere trattati con cautela.

[Fonte: BBC]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>