Retinopatia della prematurità

di Marco Mancini Commenta

Retinopatia della prematurità

La retinopatia della prematurità, o del prematuro, è un anomalo sviluppo dei vasi sanguigni nella retina degli occhi di un bambino prematuro.

CAUSE: I vasi sanguigni della retina iniziano a svilupparsi tre mesi dopo il concepimento e completano il loro sviluppo al momento del parto normale. Se un bambino è nato molto prematuro, lo sviluppo degli occhi può essere interrotto. Le vene possono smettere di crescere o crescere eccessivamente dalla retina nel liquido normalmente chiaro che riempie la parte posteriore dell’occhio. I vasi sono fragili e possono avere perdite, causando sanguinamento nell’occhio.

Il tessuto cicatriziale può svilupparsi e ritirarsi dalla superficie interna dell’occhio. Nei casi più gravi, questo può portare alla perdita della vista. In passato, l’uso di un eccesso di ossigeno per il trattamento dei neonati prematuri stimolava la crescita anormale delle vene. Attualmente, l’ossigeno può essere facilmente ed accuratamente monitorato, quindi questo problema è raro.

Oggi, il rischio di sviluppare la malattia dipende dal grado di prematurità. In generale, più piccolo è il bambino e più grave è il rischio. In genere tutti i bambini nati con meno di 30 settimane di gestazione o di peso inferiore al chilo e mezzo al momento della nascita sono schermati per la condizione. Alcuni neonati ad alto rischio che pesano 1,5-2 chili che sono nati dopo le 30 settimane dovrebbero anche essere sottoposti allo screening. Oltre alla prematurità, altri fattori di rischio possono includere:

  • Breve sosta nella respirazione (apnea);
  • Malattie cardiache;
  • Biossido di carbonio (CO2) nel sangue elevato;
  • Infezione;
  • Bassa acidità del sangue (pH);
  • Basso ossigeno nel sangue;
  • Insufficienza respiratoria;
  • Battito cardiaco lento (bradicardia);
  • Trasfusioni.

Il tasso della retinopatia nei neonati prematuri si è ridotto drasticamente con una migliore assistenza nelle unità di terapia intensiva neonatale. Questo ha portato ad alti tassi di sopravvivenza dei neonati molto prematuri che avrebbero avuto poche possibilità di sopravvivenza in passato.

SINTOMI: Ci sono 5 fasi della malattia.

  • Fase I: C’è crescita mediamente anormale dei vasi sanguigni.
  • Fase II: La crescita dei vasi sanguigni è moderatamente anormale.
  • Fase III: La crescita dei vasi sanguigni è gravemente anormale.
  • Fase IV: La crescita dei vasi sanguigni è fortemente anormale e vi è una retina parzialmente staccata.
  • Fase V: Totale distacco della retina.

I cambiamenti dei vasi sanguigni non possono essere visti ad occhio nudo. Un esame della vista è necessario per rivelare tali problemi. I sintomi più gravi sono:

  • Anomali movimenti oculari;
  • Occhi incrociati;
  • Grave miopia;
  • Pupille bianche (leucocoria).

DIAGNOSI: I bambini ad alto rischio e coloro la cui gestazione è durata meno di 30 settimane o nati troppo leggeri dovrebbero sottoporsi ad esami della retina. Il primo esame di solito dovrebbe essere a 4-9 settimane dopo la nascita, a seconda dell’età gestazionale del bambino. I bambini nati a 27 settimane o più tardi di solito si sottopongono agli esami a 4 settimane di età. I nati prima fanno di solito gli esami più tardi.

Gli esami di routine sono determinati sulla base dei risultati del primo esame. I bambini non hanno bisogno di un altro esame se i vasi sanguigni in entrambe le retine hanno completato lo sviluppo normale. I genitori devono sapere quali esami effettuare prima che il bambino lasci la nursery.

TERAPIA: Il trattamento precoce ha dimostrato di migliorare le possibilità di un bambino di avere una vista normale. Il trattamento deve iniziare entro 72 ore dall’esame degli occhi. Alcuni bambini con la fase avanzata della malattia hanno bisogno di un trattamento immediato. Il trattamento può includere la crioterapia (congelamento) per prevenire la diffusione di vasi sanguigni anomali.

La terapia laser (fotocoagulazione) può essere usata per prevenire le complicanze della fase avanzata. La terapia laser disattiva la crescita dei vasi sanguigni anomali. Per essere efficace, deve essere fatta prima che avvenga il distacco della retina. La chirurgia è necessaria se la retina si stacca. Le procedure chirurgiche continuano a migliorare, ma potrebbero non restituire una vista normale.

PROGNOSI: La maggior parte dei neonati prematuri con la malattia recuperano senza problemi duraturi alla vista. Molti neonati prematuri con problemi di lieve crescita dei vasi sanguigni della retina possono tornare alla normalità senza alcun trattamento. La maggior parte dei neonati con la condizione mite possono recuperare completamente. Circa un bambino su 10 con alterazioni iniziali svilupperà una più grave malattia della retina che può portare a problemi di vista significativi o cecità. Il fattore più importante nel risultato è la diagnosi precoce e il trattamento.

Possibili complicazioni possono essere miopia grave e cecità. La maggior parte dei bambini con grave perdita della vista collegata alla retinopatia hanno altre complicazioni della prematurità e richiedono un approccio multidisciplinare alla riabilitazione.

PREVENZIONE: La prevenzione più efficace per la retinopatia della prematurità è la prevenzione della nascita prematura. Prevenire le altre complicanze della prematurità (come la sindrome da distress respiratorio), può anche aiutare a prevenire la retinopatia.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.