Sindrome da shock tossico

di Marco Mancini 2

Sindrome da shock tossico

La sindrome da shock tossico è una malattia grave che comporta febbre, shock, e problemi con la funzione di diversi organi del corpo.

CAUSE: La sindrome da shock tossico è causata da una tossina prodotta da alcuni tipi di batteri da stafilococco. Una sindrome simile, chiamata sindrome streptococcica da shock tossico, può essere causata dal batterio streptococco. Poco più della metà dei casi sono associati a donne che utilizzano i tamponi durante il loro periodo mestruale. La sindrome da shock tossico può verificarsi anche nei bambini, donne in postmenopausa e uomini. I fattori di rischio includono:

  • Il parto;
  • Infezione da Staphylococcus aureus;
  • Corpi estranei o bendaggi (come quelli usati per fermare la fuoriuscita di sangue dal naso);
  • Mestruazioni;
  • Chirurgia;
  • L’uso del tampone (in particolare se si lascia inserito per un lungo periodo);
  • L’uso di contraccettivi interni, come un diaframma vaginale.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Confusione;
  • Diarrea;
  • Generale malumore;
  • Mal di testa;
  • Febbre alta, a volte accompagnata da brividi;
  • Bassa pressione sanguigna;
  • Dolori muscolari;
  • Nausea e vomito;
  • Insufficienza d’organi (di solito reni e fegato);
  • Arrossamento degli occhi, della bocca e della gola;
  • Attacchi epilettici;
  • Eruzione cutanea diffusa che assomiglia ad una scottatura solare.

DIAGNOSI: Nessun test è in grado di diagnosticare la sindrome da shock tossico. La diagnosi si basa su diversi criteri: febbre, pressione bassa, un’eruzione che si squama dopo 1-2 settimane e problemi con la funzione di almeno tre organi. In alcuni casi, l’analisi del sangue per la crescita di S. aureus può essere positiva.

TERAPIA: Qualsiasi materiale estraneo, come ad esempio tamponi, spugne vaginali, o dispositivi nasali, saranno rimossi. I siti dell’infezione devono essere curati. L’obiettivo del trattamento è quello di mantenere le funzioni importanti. Questo può essere fatto con:

  • Gli antibiotici per qualsiasi infezione;
  • Dialisi (in caso di problemi renali gravi);
  • Fluidi endovena;
  • Metodi per controllare la pressione sanguigna.

PROGNOSI: La sindrome da shock tossico può essere mortale nel 50% dei casi, e può ritornare nelle persone che sopravvivono. Possibili complicazioni possono essere:

  • Grave disfunzione d’organo (come insufficienza renale, cardiaca o epatica);
  • Shock.

La sindrome da shock tossico è un’emergenza medica. È necessario rivolgersi immediatamente ad un medico se si sviluppano febbre o rash cutaneo, in particolare durante il periodo mestruale e l’uso del tampone, o se hai subito un intervento chirurgico recente.

PREVENZIONE: La sindrome da shock tossico mestruale può essere prevenuta evitando l’uso dei tamponi altamente assorbenti. È possibile ridurre il rischio, cambiando più spesso i tamponi e utilizzandoli solo una volta ogni tanto (non regolarmente).

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Commenti (2)

  1. Il batterio responsabile della sindrome è lo Stafilococco Aureo e non lo Streptococco e secondo alcune statistiche i tamponi vaginali sono responsabili fino al 85% dei casi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>