Tricoressi nodosa

di Marco Mancini Commenta

Tricoressi nodosa

La tricoressi nodosa è un problema con dei punti addensati o nodi lungo il fusto del capello che causa una rottura facile dei capelli.

CAUSE: I geni possono svolgere un ruolo importante sullo sviluppo della tricoressi nodosa. Alcune operazioni sui capelli come la messa in piega, sovra-spazzolatura, permanente o eccessivo uso di sostanze chimiche possono attivare la condizione. In alcuni casi la malattia può essere causata da un disordine sottostante come l’ipotiroidismo, l’argininosuccinicaciduria, la sindrome di Menkes, sindrome di Netherton o tricotiodistrofia.

SINTOMI: I capelli possono apparire a chiazze o come non in crescita. Negli afro-americani, guardando la zona del cuoio capelluto usando un microscopio, si può notare come i capelli si rompono prima che diventino lunghi. Nei caucasici invece, il problema appare spesso al termine del capello sotto forma di doppie punte, assottigliamento dei capelli, e sbiancamento delle punte dei capelli.

DIAGNOSI: L’esame dei capelli con un microscopio può rivelare le modifiche che indicano la tricoressi nodosa.

TERAPIA: Eventuali disturbi metabolici di base devono essere curati in modo appropriato. Il miglioramento dei fattori ambientali può ridurre i danni ai capelli. Il medico può consigliare spazzolatura delicata con una spazzola morbida, per evitare di stressare i capelli.

Evitare i prodotti chimici forti, come quelli usati nei composti per le permanenti. Non usare un phon molto caldo per lunghi periodi di tempo. I capelli non devono essere stirati. Evitare gli shampoo troppo aggressivi, ma sempre usare balsami per capelli.

PROGNOSI: Migliorare le tecniche di pettinatura ed evitare i prodotti che danneggiano i capelli aiuterà a risolvere il problema. Questa condizione non è pericolosa ma può influenzare l’autostima di una persona.

PREVENZIONE: Evitare l’eccessiva spazzolatura e pettinatura, prodotti chimici aggressivi, permanenti, stiratura e simili abitudini che danneggiano i capelli.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>