Tumore alle ghiandole salivari

di Marco Mancini Commenta

Tumore alle ghiandole salivari

I tumori delle ghiandole salivari sono cellule anomale in crescita nei dotti che drenano le ghiandole salivari.

CAUSE: Le ghiandole salivari si trovano nella bocca. Esse producono la saliva, che inumidisce gli alimenti per aiutare con la masticazione e la deglutizione. La saliva contiene enzimi che iniziano il processo di digestione e aiutano a ripulire la bocca lavando via i batteri e le particelle di cibo. Ci sono tre coppie di ghiandole salivari maggiori. La più grande sono le ghiandole parotidi, che si trovano in ogni guancia sulla mascella davanti alle orecchie. Due ghiandole sottomandibolari sono nella parte posteriore della bocca da entrambi i lati della mandibola. Due ghiandole sublinguali sono sotto la base della bocca. Ci sono anche migliaia di ghiandole salivari minori in tutto il resto della bocca.

Tutte le ghiandole salivari inviano la saliva nella bocca attraverso dei condotti che si aprono in vari punti della bocca. I tumori delle ghiandole salivari sono rari, specialmente nei bambini. Il gonfiore delle ghiandole salivari è più frequentemente dovuto a:

  • Chirurgia addominale;
  • Cirrosi del fegato;
  • Infezioni;
  • Altri tumori;
  • Calcoli del dotto salivare;
  • Infezioni della ghiandola salivare;
  • Sarcoidosi;
  • Sindrome di Sjogren.

Il tipo più comune di tumore delle ghiandole salivari è una crescita non cancerosa (benigna) lenta del tumore della ghiandola parotide che aumenta progressivamente le dimensioni della ghiandola. Tuttavia, alcuni di questi tumori possono essere cancerogeni (maligni). I tumori maligni della ghiandola salivare di solito sono carcinomi.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Un gonfiore indolore in una delle ghiandole salivari (di fronte alle orecchie, sotto il mento, o sulla base della bocca), la dimensione del gonfiore aumenta gradualmente;
  • Difficoltà di movimento in un lato del viso, nota come paralisi del nervo facciale.

DIAGNOSI: L’esame effettuato da un medico o dentista mostra una ghiandola più grande del normale, di solito una delle ghiandole parotidi. I test possono includere:

  • Raggi-X delle ghiandole salivari per cercare un tumore;
  • Tomografia Computerizzata  o Risonanza Magnetica per confermare che vi è una crescita, e per vedere se il tumore si è diffuso ai linfonodi del collo;
  • Biopsia della ghiandola salivare o agoaspirato per determinare se il tumore è benigno o maligno.

TERAPIA: Il trattamento raccomandato è di solito un intervento chirurgico per rimuovere la ghiandola salivare interessata. Se il tumore è benigno, nessun altro trattamento è in genere necessario. La radioterapia o interventi chirurgici ampi possono essere necessari se il tumore è canceroso. La chemioterapia è talvolta utilizzata nei pazienti che sono considerati ad alto rischio, o quando la malattia si è diffusa al di là delle ghiandole salivari.

PROGNOSI: La maggior parte dei tumori delle ghiandole salivari sono non cancerosi a crescita lenta. La rimozione del tumore con un intervento chirurgico solitamente guarisce la condizione. In rari casi, il tumore canceroso ritorna e l’ulteriore trattamento è necessario. Possibili complicazioni possono essere:

  • Tumori cancerogeni che possono provocare ulteriori complicazioni, tra cui la diffusione ad altri organi (metastasi);
  • Raramente l’intervento chirurgico per rimuovere il tumore può danneggiare il nervo che controlla i movimenti del viso.

Contattare un medico se si ha dolore quando si mangia o mastica o se si nota un grumo in bocca, sotto la mandibola, o nel collo che non va via in 2-3 settimane o sta diventando più grande.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.