Tumore delle cellule insulari del pancreas

di Marco Mancini 2

Tumore delle cellule insulari del pancreas

Il tumore delle cellule insulari del pancreas è un tumore raro del pancreas che nasce da un tipo di cellula chiamata cellula insulare del pancreas.

CAUSE: Nel pancreas normale, le cellule insulari producono ormoni che regolano una varietà di funzioni corporee, come il livello di zucchero nel sangue e la produzione di acido dello stomaco. I tumori che derivano dalle cellule insulari del pancreas possono anche produrre una varietà di ormoni, anche se alcuni non lo fanno. Anche se le cellule insulari producono molti ormoni diversi, la maggior parte dei tumori rilasciano un solo ormone che porta a sintomi specifici. I tumori pancreatici delle cellule insulari possono essere benigni o maligni.

I tumori delle cellule insulari pancreatiche sono:

  • Gastrinomi (sindrome di Zollinger-Ellison);
  • Glucagonomi;
  • Insulinomi.

Un caso in famiglia di neoplasia endocrina multipla di tipo I è un fattore di rischio per i tumori delle cellule insulari.

SINTOMI: I sintomi sono causati dagli ormoni che il tumore sta producendo. Ad esempio, un insulinoma può produrre troppa insulina, portando a livelli ematici molto bassi di zucchero. I sintomi possono includere:

  • Dolore addominale;
  • Ansia;
  • Modifiche nel funzionamento del pancreas;
  • Annebbiamento della vista;
  • Confusione;
  • Convulsioni;
  • Diarrea;
  • Vertigini;
  • Mal di testa;
  • Fame;
  • Bocca e lingua infiammate;
  • Perdita di conoscienza;
  • Ulcera peptica;
  • Rapida frequenza cardiaca;
  • Eruzione cutanea sul viso, addome, glutei o piedi che può essere croccante e squamosa e, se sollevata, rivela piaghe piene di liquido chiaro o pus;
  • Sudorazione;
  • Tremori;
  • Vomito con sangue;
  • Aumento di peso non intenzionale;
  • Perdita di peso.

DIAGNOSI: I test possono variare a seconda dei sintomi. I seguenti test possono essere effettuati:

  • TAC addominale;
  • Ecografia addominale;
  • Ecografia endoscopica;
  • Livello di glucosio a digiuno;
  • Livello di gastrina;
  • Test di tolleranza al glucosio;
  • Ecografia endoscopica intraduttale;
  • Risonanza magnetica dell’addome;
  • Campionamento del drenaggio venoso dei segmenti del pancreas;
  • Test di stimolazione con secretina per il pancreas;
  • Livello di glucagone nel siero;
  • Insulina C-peptide;
  • Livello di insulina nel siero.

Occasionalmente, la chirurgia è necessaria per diagnosticare e trattare questa condizione. Durante questa procedura, il chirurgo può utilizzare le sonde ad ultrasuoni.

TERAPIA: Il trattamento dipende dal tipo di tumore e se il tumore è benigno o maligno. I tumori maligni possono diffondersi ad altri organi, crescere aggressivamente, e possono non essere curabili. I tumori sono generalmente rimossi con un intervento chirurgico, se possibile. Se c’è diffusione del cancro con metastasi al fegato, una parte del fegato può anche essere rimossa. Se il tumore è diffuso, le varie forme di chemioterapia possono essere utilizzate per ridurre i tumori.

Se la produzione anomala di ormoni causa problemi, potrebbero servire i farmaci per contrastare gli effetti. Ad esempio, con i gastrinomi, la sovrapproduzione di gastrina conduce a troppo acido nello stomaco. I farmaci che bloccano il rilascio dell’acido possono ridurre i sintomi.

PROGNOSI: Si può essere curati se i tumori sono rimossi chirurgicamente prima di essersi diffusi ad altri organi. Se i tumori sono cancerosi, la chemioterapia può essere utilizzata, ma di solito non può curare i pazienti. I pericoli per la vita (come lo zucchero nel sangue molto basso) possono verificarsi a causa della produzione di ormoni in eccesso, o se il cancro si diffonde a tutto il corpo. Possibili complicazioni possono essere:

  • Crisi ormonale (se il tumore emette alcuni tipi di ormoni);
  • Grave zucchero nel sangue (da insulinoma);
  • Gravi ulcere nello stomaco e nell’intestino tenue (da gastrinomi);
  • Diffusione del tumore al fegato.

Contattare un medico se si sviluppano i sintomi di questo tumore, soprattutto se avete una storia familiare di neoplasia endocrina multipla di tipo 1.

PREVENZIONE Non vi è un metodo noto per la prevenzione di questi tumori.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.