5 malattie che ci fanno stare più male

di Valentina Cervelli Commenta

Sono 5 le malattie che ci fanno stare più male. Una condanna mondiale secondo la rivista di settore Lancet che ha spiegato in un articolo dedicato quanto siano davvero poche le persone “sane” nel nostro pianeta.

paziente visitata da medico

Niente allarmismi, ma dai dati raccolti relativi all’anno 2013 è evidente come solo una persona su venti a livello mondiale non abbia avuto affatto problemi di salute, mentre un terzo dell’intera popolazione arriva a vivere con più di 5 disturbi di salute contemporaneamente. Scopriamoli insieme:

1. Lombalgia

Può sembrare un problema poco importante ma l’infiammazione della zona muscolare dei lombi è una delle patologie con la quale la popolazione mondiale combatte di più. Le cause vanno ricercate in una cattiva postura, nell’obesità e nel sovrappeso, in traumi più o meno forti della zona legati spesso anche al proprio lavoro.

2. Depressione

La depressione rimane una delle patologie più distruttive a livello globale ed una delle più difficili da curare. Sono spesso le malattie che le persone sviluppano a causa della stessa a rappresentare la più grande sfida da affrontare. Approcciarla immediatamente è uno dei segreti per curarla e vincerla.

3. Anemia sideropenica

La carenza cronica di ferro è la sua causa maggiore. Ed essa è spesso legata ad un’alimentazione sbagliata. Ricordatevi di mangiare sano, prediligendo alimenti che contengano questo nutriente in abbondanza come fegato, spinaci e lenticchie ad esempio. Le conseguenze del suo sviluppo possono essere particolarmente ostiche da curare poi: è meglio affrontarla immediatamente.

4. Perdita dell’udito

Essa è principalmente legata all’età, e non si può fare molto se non affidarsi alla tecnologica presente in commercio per superare il problema.

5. Diabete

E’ una delle malattie più diffuse nel nostro pianeta. Ed a meno che non si parli di diabete di tipo 1 è possibile prevenire la sua comparsa con una dieta corretta e sana e dell’attività fisica. Basterebbe davvero poco.

Photo Credits | Pressmaster / Shutterstock.com