Alcol Prevention Day 2015, il 16 aprile

di Redazione 0

Il prossimo 16 aprile si terrà l’Alcol Prevention Day 2015, un appuntamento importante nel quale saranno diffusi gli ultimi dati sul consumo di alcol in Italia. Un consumo che purtroppo è molto diffuso anche tra i giovanissimi che cominciano a bere superalcolici in età davvero precoce. Da tempo l’Osservatorio Nazionale Alcol dell’Istituto Superiore di Sanità sta lanciando il grido di allarme: un consumo smodato di alcun produce effetti deleteri soprattutto sugli adolescenti che attraversano ancora una fase di crescita importante.

Emanuele Scafato, presidente della Società italiana di Alcologia e direttore dell’Osservatorio Nazionale alcol dell’Istituto Superiore di Sanità, ha già elencato tre dei danni più gravi dell’alcol sui giovanissimi: cirrosi epatica, danni all’apparato cardiocircolatorio e al cervello che negli adolescenti non è ancora perfettamente formato e che dunque, in presenza di abuso di alcol, subisce danni irreversibili (questi argomenti saranno bene affrontati nel corso dell’Alcol Prevention Day 2015).

I 3 DANNI PROVOCATI DALL’ALCOL NEI GIOVANI

Ma a quanto pare neppure l’elenco dei danni provocati dall’alcol né tantomeno i tanti incidenti stradali che nel fine settimana provocano spesso la morte di giovanissimi, colpevoli di mettersi al volante in condizioni non idonee con tasso alcolico sopra la media, servono a fare ragionare i ventenni (e non solo) sull’importanza di un uso moderato di bevande alcoliche. Punterà a questo dunque l’Alcol Prevention Day 2015, che si terrà il 16 aprile nell’Aula Pocchiari dell’Istituto Superiore di Sanità, in Viale Regina Elena a Roma, e che proverà a sensibilizzare tutti sull’importanza di abitudini di vita sana e regolare per mantenersi in equilibrio e salute a lungo termine.

PERCHE’ L’ALCOL CI RENDE AGGRESSIVI

Al meeting parteciperanno medici e personale esperto pronti a illustrare i principali dati sul consumo di alcol in Italia e a rispondere alla domande di tutti coloro che vorranno prendere parte all’evento perché interessati a una questione davvero molto importante. La partecipazione alla manifestazione è gratuita.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>