Doppio mento addio, arriva un farmaco che scioglie il grasso

di Ma.Ma. Commenta

Un farmaco che scioglie il grasso e combatte in modo efficace il doppio mento: è stato approvato nei giorni scorsi dalla FDA, si chiama Kybella ed è prodotto negli Stati Uniti da Kythera Biopharmaceuticals.

Iniettato direttamente nel grasso grazie all’utilizzo di sottilissimi aghi, scioglierebbe in modo efficace i depositi di grasso che causano il tanto anti-estetico doppio mento evitando dunque l’intervento chirurgico che, fino ad oggi, era la soluzione più gettonata per risolvere questo problema. Il nuovo farmaco contro il doppio mento è una variante dell’acido deoxycolico che, come spiegano i ricercatori che sono arrivati a matterlo a punto, esiste naturalmente sotto forma di molecola nell’organismo e dissolve il grasso assunto tramite la dieta.

Effettuando test a ripetizione su 2500 pazienti, i ricercatori americani hanno visto che Kybella funzionava per combattere il doppio mento. Ogni seduta comporta una cinquantina di micro iniezioni che sono leggermente dolorose per il paziente ma che sono tuttavia sopportabili perché non durano più di qualche minuto; e anche dopo essersi sottoposti alla seduta, il fastidio e minimo e si tiene facilmente sotto controllo grazie all’applicazione locale del ghiaccio che evita che la parte oggetto di iniezione si gonfi.

MEDICINA ESTETICA, ARRIVA LA LIPOSUZIONE SOFT CONTRO IL DOPPIO MENTO

Insomma questo nuovo farmaco contro il doppio mento potrebe aprire nuove strade per tutti coloro che vogliono correre ai ripari per correggere quello che è uno degli inestetismi più comuni che colpisce indistintamente uomini e donne (è ovvio che per chi soffre di obesità e problemi di peso il doppio mento è una costante ma può capitare anche in soggetti mediamente magri).

Antonino Di Pietro, direttore dell’Istituto Dermoclinico Vita Cutis di Milano, che ha dato la notizia in Italia dell’arrivo di Kybella, si è dichiarato ottimista rispetto a questo nuovo farmaco la cui commercializzazione, però, è attualmente non autorizzata in Italia e in Europa.

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>