Terra dei fuochi, sempre più morti e tumori

di Valentina Cervelli Commenta

Di un aumentato tasso di tumori e dell’inquinamento presente nella Terra dei Fuochi, in provincia di Napoli si parla da tempo. L’Istituto Superiore di Sanità ci dà modo di conoscere la situazione nello specifico attraverso la pubblicazione di uno studio dedicato importante da conoscere.

ITALY-ENVIRONMENT-AGRICULTURE-WASTE-DUMP-FIRES

 

Quando si parla di correlazione tra cancro ed inquinamento per quanto si possa rimanere “scioccati”, difficilmente ci si informa. Facciamolo ora. La prima cosa che viene sottolineata all’interno del rapporto dell’ISS è un aumento  sia dell’incidenza dei tumori sia dell’ospedalizzazione degli abitanti per patologie strettamente legate all’inquinamento. Si tratta di un’analisi statistica che sottolinea un problema esistente e potenzialmente derivante sia dallo smaltimento illegale di solidi urbani, sia di rifiuti speciali. Il quadro appare devastante se si pensa al rilevamento di una percentuale molto alta di ricoveri di bambini dagli 0 ai 12 mesi per tutta una serie di forme di cancro tra le quali spiccano quelli a carico del sistema nervoso centrale. Questi ultimi appaiono estremamente diffusi nell’incidenza fino ai 14 anni.

La mortalità nella Terra dei Fuochi per patologie tumorali è elevata, così come le malformazioni congenite presenti nei bambini alla nascita. Tutti fattori che possono essere ricondotti all’esposizione ai numerosi agenti inquinanti rilevati nella zona che negli adulti,  a prescindere da altri fattori di rischio, portano ad uno sviluppo più frequente di malattie epatiche come tumore del fegato e cirrosi , ma anche cancro ai polmoni ed allo stomaco. Segno di come aria, prodotti della terra e le falde acquifere risultino potenzialmente contaminate dagli agenti cancerogeni. Ma non manca una maggiore incidenza, rispetto al resto di Italia e della stessa regione, di tumori a carico della tiroide e dei testicoli e cancro al seno.

Molti studi si sono occupati della correlazione tra gli agenti inquinanti presenti in zona e diverse forme di neoplasia e tenuti conto gli stessi sono stati sviluppati differenti metodi di valutazione dell’incidenza tumorale e di malformazione all’interno della Terra dei Fuochi. Ed con tutti quelli applicati il risultato è rimasto sempre lo stesso: nell’area il legame tra la patologia e l’inquinamento è più che possibile. Motivazione per la quale dall’ISS sono state lanciate richieste di una maggiore regolamentazione ed è stata indicata la necessità di un intervento serio e veloce.

Fonte | ISS

Photo Credit | MARIO LAPORTA/AFP/Getty Images