Fumo, nuovi divieti e regole

di Valentina Cervelli 0

Nuovi divieti e regole in arrivo contro i fumatori: dal prossimo 2 febbraio la situazione per gli amanti delle bionde peggiorerà ulteriormente. Lo scopo è quello di portare le persone a smettere di fumare ed i giovanissimi a non iniziare.

Queste nuove norme recepiscono la direttiva 2014/40/UE del Parlamento europeo. Vediamo insieme cosa cambia rispetto ad ora.

I divieti

Sono diversi i divieti che entreranno in vigore. Dal 2 febbraio sarà vietato fumare in auto, sia che le stesse siano in movimento o ferme, sia in presenza di donne incinte e bambini. Non si potrà inoltre fumare all’aperto vicino agli ospedali, qualsiasi sia la loro tipologia.

Sigarette e minori

In questo caso ad essere colpiti saranno i gestori di tabaccherie che venderanno ai bambini prodotti a base di nicotina. Per loro sono previste multe che vano dai 500 ai 3 mila euro. Non solo: chi non rispetterà le regole potrebbe rischiare di sospensione per 15 giorni della licenza fino ad arrivare alla chiusura dell’esercizio commerciale. Contestualmente verranno tolti dal commercio i pacchetti da 10 sigarette e verrà messo il limite di 30 grammi alla vendita di tabacco sfuso. Le ricariche delle sigarette elettroniche dovranno riportare delle etichette molto dettagliate sugli “ingredienti” delle stesse.

Pubblicità ed immagini shock

Spariranno le pubblicità delle ricariche elettroniche e dei liquidi in televisione negli orari dedicati ai bambini e nei vari mezzi di comunicazione legati a quest’ultimi. Contemporaneamente però sui pacchetti di sigarette verranno pubblicate immagini shock che dovranno occupare due terzi dell’intera superficie della confezione, insieme ai numeri di centri per disintossicarsi dal fumo. Si spera in questo modo di scoraggiare l’acquisto dei prodotti. Sia da parte degli adulti già preda del vizio, sia da parte dei giovanissimi.

Vietato buttare mozziconi a terra

In questo caso viene stabilito per legge quello che il buonsenso dovrebbe suggerire a prescindere. Sono previste multe per chi verrà beccato sul fatto.

Photo Credits | Pisit Koolplukpol / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>