Sanità 2014, esenzioni e ticket in base al reddito

di Valentina Cervelli Commenta

Cambiano ancora le regole riguardanti i ticket: con il nuovo patto per i cittadini, questi e le esenzioni andranno in base al reddito per tentare di risanare le casse del Sistema Sanitario Nazionale e contemporaneamente assicurare a tutti delle prestazioni adeguate.

Lo strumento presentato dal Patto per la Salute 2014-2016 punta alla riorganizzazione dell’intero sistema e contestualmente all’erogazione di un servizio più completo e privo di pecche per il cittadino. E’ impossibile al momento prevedere se questo tipo di approccio avrà successo. Quello che è certo è che per la Sanità, nel triennio 2014-2016 i fondi sono pari a 337 miliardi e ciò che dovesse mancare, eventualmente, dovrà essere frutto di tagli e misure specifiche.

Tra i cambiamenti primari, come vi abbiamo accennato, vi è una differente gestione delle esenzioni. Esse saranno determinate dalla dichiarazione dei redditi. Ricordiamo che il ticket, altro non è che una partecipazione alle spese sanitarie da cui attualmente vengono escluse, attraverso l’esenzione alcune categorie di cittadini (a basso reddito, anziani, bambini, disoccupati, portatori di handicap e altre patologie).

A nuove fasce di reddito, stabilite appositamente dal Ministero della Salute, corrisponderanno  diverse modalità di compartecipazione alle spese sanitarie per i farmaci e le altre cure, visite specialistiche ed indagini diagnostiche comprese.  In più sarà valutato anche il reddito complessivo della famiglia e non solo del singolo cittadino.. Ecco le fasce attualmente stabilite dal Ministero:

  • R1  da zero a 36.151,98 euro
  • R2 da 36.151,99 fino a 70mila euro
  • R3 da 70.001 euro fino a 100mila euro
  • R4 oltre i 100 mila euro.

Ciò significa che vi saranno diversi ticket da pagare a seconda del reddito (R1 ad esempio potrebbe mantenere l’esenzione totale, R2, una minima compartecipazione simile all’attuale e che sarà più alta per chi è in fascia R3, mentre agli R4 corrisponderebbe il il pagamento totale della prestazione senza alcun ticket/compartecipazione).

Tali fasce saranno indicate direttamente dal terminale del medico attraverso un database ministeriale e non modificabili.

Rimangono attualmente inalterate le esenzioni per i bambini al di sotto dei 6 anni e gli anziani sopra i 65,  che posseggono un reddito familiare inferiore a 36.151,98 euro. Ed ancora per  i disoccupati e gli anziani con più di 60 anni con pensione minima.

Non sarà facile affrontare i cambiamenti, né per la popolazione né per gli operatori che lavorano nelle strutture sanitarie, dato che le stesse dovranno apportare dei cambi strutturali importanti ed i periodi di assestamento risultano difficili da gestire. Bisognerà purtroppo aspettarsi un po’ di confusione. Lo scopo di tali cambiamenti è quello di favorire l’assistenza territoriale tentando comunque di far quadrare i conti delle diverse sanità regionali.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>