Aids: arriva il cerotto che funziona come le pillole

di Marco Mancini 1

L’Aids è uan malattia ancora lontana dall’essere sconfitta, eppure un passo in avanti è stato effettuato presso i laboratori dell’ImQuest BioSciences, finanziati dall’US National Institutes of Health. L’ultima novità in campo medico è un cerotto che contiene un farmaco che può tenere sotto controllo la malattia. Finora è stato testato solo sugli animali, ma visti i buoni risultati a breve dovrebbero cominciare anche i test sugli umani.

L’idea è venuta dopo la constatazione che molti pazienti, anche affetti da condizioni diverse dall’Aids, non prendono come dovrebbero i loro farmaci. In questo modo il cerotto, che va indossato per 7 giorni, rilascia gradualmente il principio attivo del farmaco, consentendo lo stesso effetto, peraltro ad un costo di gran lunga inferiore rispetto a quello dei farmaci classici.

Secondo i ricercatori, i cerotti transdermici sono in grado di somministrare il 96% di un farmaco direttamente attraverso la pelle in una settimana. Ma attenzione perché il farmaco è ancora in fase di sviluppo, e non è disponibile al pubblico. Ad ogni modo gli scienziati affermano che dovrebbe essere in grado di inibire l’infezione da HIV.

I pazienti con HIV, il virus che causa l’Aids, attualmente vengono trattati con una pillola al giorno negli Stati Uniti, o con due pillole al giorno di un altro farmaco in altri Paesi, secondo i dati della Fondazione per la ricerca sull’AIDS. Tuttavia, affermano i portavoce, molto spesso questi farmaci hanno effetti collaterali (seppur minimi), e non sempre vengono presi. Per questo potrebbero avere uno scarso effetto, e bisognava trovare il modo per rendere l’inoculazione costante.

Il vantaggio del cerotto, a seconda di quanto tempo secerne il giusto livello di farmaco, è la capacità di mantenere il giusto livello del farmaco senza le fluttuazioni osservate quando si prendono le pillole

ha spegato il dott. Johnston, uno degli autori dello studio. Addirittura, ipotizzano i medici, un cerotto simile potrebbe servire, teoricamente, anche ad  impedire di contrarre l’HIV, ma c’è ancora molta strada da fare.

Aids/HIV: nuove speranze da un vaccino ideato in Spagna?

[Fonte: Health24]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>