Obesità, magri col pace-maker

di liulai 0

L’elettronica potrebbe diventare un’arma contro l’obesità, grazie a pace-maker in grado di agire sul senso di sazietà dello stomaco o sulla digestione. Due sono i prototipi su cui si sta lavorando. Il primo, che però non ha offerto risultati particolarmente soddisfacenti a lungo termine nella prima sperimentazione clinica, è stato messo a punto da Medtronic. Come un pace-maker per il cuore, si basa su una batteria impiantata sotto la pelle della pancia da cui partono gli stimoli che arrivano ad elettrodi posizionati nella parete dello stomaco.

Grazie a questo sistema di controllo si dovrebbe verificare un effetto di “chiusura” dopo una minima introduzione di cibo, limitando così l’ingestione degli alimenti e una riduzione degli stimoli a nutrirsi da parte del cervello. A bloccare la digestione, rendendola lunghissima e quindi limitando l’assunzione di cibo, mira invece uno strumento messo a punto da Enteromedics.

In questo caso si mira a ridurre sistema di controllo, ed elettrodi puntano a ridurre l’attività del nervo che regola i movimenti dello stomaco assicurando una normale digestione. La speranza è che, sentendosi sazi anche dopo aver mangiato poche calorie, si arrivi ad avere un drastico calo nella sensazione di appetito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>