Glicemia bassa bambini e neonati: cause e conseguenze

di Valentina Cervelli Commenta

La glicemia bassa nei bambini e nei neonati è una patologia che necessità di essere tenuta sotto controllo in modo attento e serio dai genitori perché in grado di causare conseguenze gravi, soprattutto nei più piccoli. Scopriamo insieme cause e conseguenze.

 

Le cause della glicemia bassa nei neonati e nei bambini

La glicemia bassa nei neonati è una condizione per la quale il livello di zuccheri presenti nel sangue scende sotto la soglia della normalità nei primi giorni dopo la nascita. Gli stessi hanno bisogno di buoni livelli di glucosio per produrre l’energia adatta alla loro crescita e per sostenere l’attività cerebrale: senza glucosio le cellule dell’encefalo muoiono. Ecco le cause più comuni di questa condizione, riscontrabili anche nei bambini più grandi:

  • Troppa insulina nel sangue
  • Riserve di glicogeno limitate. Esso è la riserva energetica del glucosio. Questa condizione è di solito frutto di un parto prematuro
  • Ipertermia derivante da un’infezione, medicazione o da una lesione alla testa
  • Policitemia o poliglobulia
  • Setticemia o sepsi (infezione batterica del sangue)
  • Deficit di ormone della crescita
  • Glicogenolisi e gluconeogenesi ridotta: entrambi sono processi che ci aiutano ad assorbire il glucosio
  • Insufficienza ormonale
  • Denutrizione

Gli effetti della glicemia bassa nei neonati e nei bambini

Se la condizione di ipoglicemia nei bambini e nei neonati non viene curata adeguatamente vi possono essere delle conseguenze a lungo termine sulla salute del bambino. Eccole:

  • Epilessia e convulsioni
  • Ritardo mentale
  • Problemi della vista
  • Problemi a livello neuropsichiatrico
  • Lesioni al cervello
  • Paralisi cerebrale
  • Ritardi nell’apprendimento e nello sviluppo

Di solito per approcciare adeguatamente la glicemia bassa ed evitare conseguenze basta sottoporre i neonati a delle flebo di glucosio da somministrare in ospedale, mentre per i bambini si deve modificare la dieta andando a sopperire le mancanze. In tutti i casi è necessario rivolgersi ad un medico che possa riconoscere i segni dell’ipoglicemia e risolvere la patologia alla base della stessa.

Photo Credit | Thinstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>