Colera a Cuba, sale il rischio di epidemia

di Tippi 2

Il colera, secondo le autorità cubane, è sotto controllo, tuttavia secondo i media stranieri e i dissidenti, nell’isola caraibica è scoppiata una vera e propria epidemia, che nelle ultime settimane ha già mietuto decine di vittime, si parla di oltre 120 casi, mentre le persone contagiate sarebbero un migliaio.

L’epicentro della malattia è una città a est del Paese, Manzanillo, a oltre 800 chilometri dalla Capitale. L’ultima epidemia di colera a Cuba risale al 1882 e la situazione sembra preoccupare molto gli abitanti dell’isola. Anche il Messico ha dichiarato lo stato di allerta.

Quello che resta da chiarire è se l’epidemia sia scoppiata a Cuba o sia stata importata da un altro paese. Secondo la sanità locale, la causa sarebbe riconducibile all’inquinamento degli impianti idrici peggiorato dalle alte temperature e dalle piogge della scorsa settimana, ma c’è anche chi sospetta che il contagio sia stato innescato dagli infermieri e dai medici che nel 2010, in occasione del terremoto che colpì Haiti, hanno prestato la loro opera per curare il colera.

Il colera è un’infezione provocata dal batterio Vibrio cholerae e si trasmette con il contatto diretto da persona a persona, anche se molto raro, o indiretto attraverso le feci, ma anche l’acqua e/o gli alimenti contaminati. I cibi più a rischio sono quelli crudi o poco cotti. Le principali cause di epidemia della malattia sono le scarse condizioni igienico-sanitarie e la cattiva gestione degli impianti fognari e dell’acqua potabile.

La malattia ha un periodo di incubazione di 2-3 giorni e la manifestazione è in genere asintomatica, tuttavia la diarrea è il sintomo principale. In alcuni soggetti la perdita di liquidi può portare alla disidratazione e in alcuni casi anche alla morte. Il batterio dell’epidemia non è stato ancora debellato dall’ambiente e le uniche forme di prevenzione sono da un lato le campagne di vaccinazione e dall’altro il miglioramento delle condizioni igieniche.

Photo Credits|ThinkStock

Commenti (2)

  1. Sono vissuta in un paese di latinoamerica quando è scopiato una epidemia del colera,ho visto gente morire ma avete ragione l’igiene è importante per combattere questa malattia.Daniela V.

    1. @Daniela V.:
      Ciao Daniela,
      le condizioni igienico-sanitarie sono importantissime per evitare molte malattie, tra cui il colera. E’ un peccato che della gente muoia ancora per questi motivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>