Gran Bretagna: l’influenza A fa vittime anche tra i pazienti sani

di Marco Mancini 0

Da quando hanno cominciato a circolare notizie dei primi decessi causati dall’influenza A, su tutti i media mondiali gli scienziati si sono affrettati a sostenere che i morti erano dovuti a precendenti condizioni e che il virus A H1N1 dava soltanto il colpo di grazia alle persone già gravemente malate.

I dati che arrivano dalla Gran Bretagna però non sono così rassicuranti. Pare infatti che un terzo delle oltre 30 persone morte non avesse gravi condizioni di salute, ma nel 16% dei casi erano in perfetta forma e non seguivano alcuna terapia, e nel 17% avevano soltanto condizioni lievi come il diabete. Nulla di preoccupante, fino all’arrivo del virus. In pratica l’influenza suina ha cominciato ad uccidere.

La stragrande maggioranza dei decessi rilevati fino a questo momento riguardano pazienti con altre malattie precedenti, ma forse tutta questa tranquillità sulle persone sane andrebbe un poco rivista, soprattutto per evitare di sottovalutare il problema.

[Fonte: Agi]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>