Intervento vescica con robot, al Misericordia di Grosseto

di Tippi Commenta

Al Misericordia di Grosseto è stato eseguito un intervento di asportazione e ricostruzione della vescica con il robot, utilizzando un tratto dell’intestino del paziente. Si tratta di un’operazione chirurgica molto delicata, sino ad oggi effettuata solo da 3 centri in tutta Europa. L’intervento è stato eseguito interamente con il “Da Vinci“, un robot chirurgico già in uso da diversi anni e che fin dal suo primo utilizzo ha dimostrato la sua efficacia in diversi settori della medicina.

Come ha spiegato il dottor Valerio Pizzuti, che ha coordinato l’equipe medica:

L’eccezionalità dell’intervento sta nel fatto che la procedura di asportazione della vescica e la rimozione dei linfonodi, resa necessaria per la presenza di un tumore non altrimenti curabile, è stata interamente eseguita con tecnica robotica, senza incisione cutanea, e con indubbi vantaggi per il paziente e per il decorso post-operatorio. L’operazione eseguita dall’Urologia di Grosseto è il sedicesimo caso, tant’è che, per trovare una casistica maggiore in Europa, bisogna volare fino a Stoccolma, al Karolinska Institute, dove il professor Peter Wiklund, finora, ne ha eseguite 29.

Grazie alla collaborazione con il professor Wiklund, iniziata 2 anni fa, è stato possibile apprendere alcuni accorgimenti tecnici che hanno reso l’intervento facilmente riproducibile, tuttavia, ha contato molto la lunga esperienza propedeutica all’utilizzo del robot maturata in 5 anni di robotica nel trattamento dei tumori prostatici, renali e dei prolassi urogenitali.

L’equipe urologica grossetana è ritenuta all’avanguardia in campo urologico, in Europa e in Italia, dove viene richiesta per il tutoraggio in molti centri che stanno avviando questo tipo di approccio (Roma, Pisa, Terni, Potenza, Modena).

Attualmente, il robot trova il maggior impiego a livello mondiale sul cancro alla prostata, sebbene sia stato di fondamentale importanza anche per i tumori renali. L’equipe del dottor Pizzuti, infatti, è in grado di asportare solo il cancro, preservando il rene sano e conservando la sua funzionalità. Ma da oggi si apre la strada del trattamento con tecnica robotica anche del tumore alla vescica.

Via|Azienda USL 9 di Grosseto; Photo Credit|ThinkStock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>