Tè verde, scoperte proprietà anti-cancro alla prostata

di Paola Commenta

Secondo i risultati di uno studio pubblicato su Cancer Prevention Research, la rivista della American Association for Cancer Research, gli uomini con carcinoma della prostata, che consumano del tè verde, hanno dimostrato una significativa riduzione nei siero marcatori predittivi della progressione del cancro alla prostata.

L’agente utilizzato in fase di sperimentazione, Polyphenon E (fornito da Polyphenon Pharma), può avere il potenziale per ridurre l’incidenza e rallentare la progressione del cancro alla prostata.

ha spiegato James A. Cardelli, professore e direttore di base del dipartimento di ricerca del Feist-Weiller Cancer Center, di Shreveport. Il tè verde è la seconda bevanda più popolare al mondo, e alcuni studi epidemiologici hanno dimostrato i benefici per la salute, tra cui una ridotta incidenza di tumori della prostata. Tuttavia, alcuni studi clinici umani hanno trovato risultati contraddittori. I pochi studi clinici condotti fino ad oggi hanno valutato l’efficacia clinica del consumo di tè verde, ma pochi studi hanno valutato il cambiamento dei biomarcatori, che potrebbero prevedere la progressione della malattia.

Cardelli e colleghi hanno condotto questo studio per determinare gli effetti di breve termine, nei composti attivi sui biomarcatori nei pazienti con carcinoma della prostata. Lo studio comprendeva 26 uomini, di età compresa tra 41 a 72 anni, con diagnosi di carcinoma della prostata e previsione di prostatectomia radicale. I pazienti hanno consumato quattro capsule contenenti Polyphenon E (l’equivalente di 12 boccali di birra che contenevano tè verde) fino al giorno prima dell’intervento chirurgico.

I risultati hanno mostrato una significativa riduzione dei livelli sierici di HGF, VEGF e PSA dopo il trattamento, con alcuni pazienti che dimostravano una riduzione nei livelli superiori del 30%. Inoltre sono stati segnalati pochi effetti collaterali associati, e la funzionalità epatica è rimasta normale. Un recente studio simile condotto anche da ricercatori italiani aveva già dimostrato che il consumo dei polifenoli del tè verde riduceva il rischio di sviluppare il cancro alla prostata negli uomini con un elevato grado di neoplasia intraepiteliale della prostata.

Fonte: [Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>