Individuata tecnica per inibire il desiderio di cocaina nei tossicodipendenti

di Paola 0

Quando è stato chiesto di inibire la loro risposta davanti ad un video sulla cocaina, coloro che facevano uso di cocaina sono stati capaci, in media, di sopprimere l’attività nelle regioni del cervello legate al desiderio della droga. A renderlo noto è un nuovo studio dell’US Department of Energy’s Brookhaven National Laboratory, i cui risultati saranno pubblicati su NeuroImage.

Essi suggeriscono che gli interventi clinici volti a rafforzare queste risposte inibitorie potrebbe contribuire, per coloro che vogliono smettere di assumere cocaina, ad evitare una ricaduta.

L’esposizione alle droghe o agli stimoli associati all’uso di droga è uno dei fattori più comuni che portano alla ricaduta nei tossicodipendenti. Sappiamo da precedenti studi che indizi sulla droga possono innescare profondi cambiamenti nel cervello che sono collegati ad una risposta forte del desiderio

ha spiegato Nora Volkow, direttore del National Institute on Drug Abuse e autore della ricerca. Il co-autore Gene-Jack Wang, presidente del dipartimento medico Brookhaven ha invece aggiunto:

Questo studio fornisce la prima prova che coloro che abusano di cocaina mantengono una certa capacità di inibire cognitivamente le loro risposte al desiderio legato alla droga. I nostri risultati forniscono la grande speranza, perché implica che gli interventi cognitivi potrebbero essere sviluppati per massimizzare il successo di coloro che fanno uso di cocaina per bloccare la risposta al desiderio della droga e per aiutarli ad evitare una ricaduta.

Gli scienziati hanno usato una tecnica di scansione del cervello chiamata tomografia a emissione di positroni (PET) e una radioattiva con aggiunta di glucosio per misurare l’attività cerebrale in 24 persone che facevano uso di cocaina nel corso di tre diverse condizioni:

1. mentre i soggetti stavano semplicemente con gli occhi aperti davanti allo scanner;
2. mentre guardavano video in cui si mostrava la cocaina;
3. mentre guardavano il video, ma gli veniva chiesto di cercare di inibire la loro risposta al desiderio.

Le scansioni sono state eseguite in ordine casuale. Gli scienziati hanno inoltre controllato il tasso di frequenza cardiaca e la pressione del sangue e hanno chiesto loro di descrivere il loro livello di desiderio durante la scansione. Rispetto alle condizioni originarie, il video con la cocaina ha innescato un aumento dell’attività cerebrale in diverse regioni del cervello associate con il desiderio della droga.

Quando è stato chiesto di inibire la risposta al desiderio, e quelle scansioni sono state confrontate con la condizione precedente, è stato evidente come l’attività metabolica è diminuita drasticamente nelle regioni del cervello coinvolte nel desiderio ed anche in regioni diverse.

I ricercatori dicono che i risultati hanno importanti implicazioni cliniche:

Molti programmi di trattamento in materia di droga aiutano le persone tossicodipendenti a prevedere quando e dove potrebbero essere esposti a stimoli sulla droga in modo che possano evitare tali situazioni. Anche se questa è una strategia molto utile, le reali situazioni di parole e segnali possono venire in modi inaspettati. I nostri risultati suggeriscono che una strategia clinica che possa esercitare un maggior controllo cognitivo potrebbe aiutarli ad inibire selettivamente la risposta al desiderio quando e dove gli spunti sulla droga sono presenti, anche se inaspettati o imprevisti.

Poiché il controllo inibitorio è fondamentale per regolare le emozioni e desideri, i risultati di questo studio potrebbero avere implicazioni per altre malattie che comportano la perdita di controllo del comportamento, come il gioco d’azzardo e l’obesità.

[Fonte: Sciencedaily]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>