Adenocarcinoma G2 infiltrante intestino, quale migliore terapia?

di Cinzia Iannaccio 0

Richiesta di Consulto Medico
“Gentile Dott. a Mia suocera dopo una colonscopia gli hanno asportato un polipo che all’esame istologico ha avuto questo referto che ci preoccupa molto: “Istologicamente sia il polipo sia i frammenti mostrano gli aspetti di un adenocarcinoma moderatamente differenziato G2, infiltrante, presente sul margine di resezione. Un frammento compatibile con adenoma tubolare con displasia intraepiteliale di basso grado”. Ora dobbiamo decidere il da farsi e dove fare eventuale operazone chirurgica. Le chiedo quale sia il miglior protocollo da seguire Grazie”.

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Adenocarcinoma G2 infiltrante intestino

Risponde il dott. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti www.ipertermiaitalia.it

“Gentile Utente, per quanto leggo il margine di resezione è coinvolto dalla patologia. Il primo passo è senza dubbio un nuovo videat chirurgico. (ovvero una visita con il chirurgo ndr) Cari saluti Dott. Carlo Pastore, oncologo”.

 

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Carlo Pastore

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Cosa vuol dire adenocarcinoma moderatamente differenziato G2 ?

Adenocarcinoma polmonare, chemioterapia possibile?

 

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

 

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>