Adenocarcinoma pancreas moderatamente differenziato, quali terapie?

di Cinzia Iannaccio 0

Richiesta di Consulto Medico
Gent.mo Dott. Pastore, Le scrivo per conto di mio padre, avente 67 anni, per capire se ci possono essere spazi di manovra nella situazione che si è venuta a creare da qualche mese a questa parte. Puntualizzo che mio padre nel 1989 è stato sottoposto a gastrectomia totale per LNH e dal settembre 2013 esegue un’ alimentazione parenterale domiciliare per malnutrizione severa, pesando attualmente 44 Kg circa. Di seguito Le riporto in sintesi le vicissitudini che hanno caratterizzato la vita di mio padre negli ultimi mesi, a seguito della malattia scoperta, per aiutarLa ad avere nel miglior modo possibile un quadro clinico chiaro e dettagliato. ……

…….Tutto ha inizio nell’ ottobre 2014 quando a seguito di dolori addominali esegue una TAC- ADDOME INFERIORE e SUPERIORE con e senza contrasto, il cui esito non è dei più confortanti: “Non alterazioni focali a carico di fegato, surreni e reni. Diffusa ipodensità della coda del pancreas come per processo eteroformativo. Linfonodi conglomerati avvolgono a manicotto l’ arteria renale di sn, il tripode celiaco e l’ arteria mesenterica superiore. Assottigliata apparte la vena e l’ arteria splenica sino a non essere più apprezzabili. Milza aumentata di volume con ampia area ipodensa ilare (43mm diametro massimo). Ischemia?. [……..] Con i seguenti esami decidiamo di rivolgerci da un chirurgo che decide di procedere con intervento chirurgico, con l’ intento di togliere la coda del pancreas e la milza, con ricovero di mio padre a metà gennaio con la seguente diagnosi: “Formazioni litiasiche del coledoco in paziente HCV + Los pancreatica in paziente sottoposto a gastrectomia totale per LNH. BPCO. Malnutrizione severa in NPT. DM in trattamento insulinico. Epatopatia cronica HCV relata. ” Il giorno dopo mio padre viene sottoposto ad intervento chirurgico di: “Laparotomia esplorativa. Colecistectomia. Posizionamento di tubo di Kehr in VBP”. […………………]

I primi di febbraio riceviamo la comunicazione di DIAGNOSI ISTOLOGICA riguardante la colecisti e la biopsia retroperitoneale, di cui Vi riporto integralmente gli stralci che Le interessano, in modo da potermi dare qualche consiglio sul da farsi e su quale sia la miglior strada da intraprendere: [………………]. Conclusioni diagnostiche: Metastasi linfonodale (minuto linfonodo) e nel cellulare adiposo perilinfonodale di adenocarcinoma moderatamente differenziato, coerente, unitamente alla clinica, con derivazione pancreatica duttale esocrina.” Sperando di aver riassunto tutto nel miglior modo possibile, attendo un Suo parere circa quello che si può fare in una situazione come questa e se magari esistono particolari terapie che si potrebbero intraprendere. Certo di un Suo riscontro e ringraziandoLa per l’ attenzione, porgo distinti saluti.

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Adenocarcinoma moderatamente differenziato con derivazione pancreatica duttale esocrina

Risponde il dott. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti www.ipertermiaitalia.it

Gentile Utente,
la condizione descritta è purtroppo gravata da due fattori negativi: la non possibilità di una radicalità chirurgica e la condizione generale di prostrazione del Paziente dettata dalle patologie concomitanti e dalla severa malnutrizione. Purtroppo non vedo margine per un trattamento chemioterapico sistemico per quanto descritto. Si potrebbe eventualmente verificare, sempre previa attenta valutazione della condizione generale, la possibilità di un trattamento radiante locoregionale. Se non altro a scopo antalgico palliativo. Ovviamente sempre opportuna la miglior terapia di supporto.
Cari saluti
Dott. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Carlo Pastore

 

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>