Chemioterapia: falsa speranza per malati terminali?

di Valentina Cervelli 1

Il cancro e la sua cura sono da tempo immemorabile al vaglio della ricerca mondiale: si cercano contestualmente i meccanismi di scatenamento del tumore ed una sua possibile cura definitiva al fine di assicurare la guarigione a tutti coloro che ne sono affetti. La chemioterapia è uno degli strumenti più utilizzati. Ma è efficace o rappresenta solo una falsa speranza per i malati terminali?

Prima di tutto specifichiamo che nel nostro paese i malati terminali non vengono sottoposti a questo approccio terapeutico, in modo tale da non creare confusione: in questo articolo parliamo della realtà statunitense, i cui protocolli, evidentemente, sono differenti dai nostri. Inoltre in questo caso bisogna in questo caso stare molto attenti alle parole e contestualizzare il termine “falsa speranza”. La chemioterapia è attualmente uno dei maggiori strumenti contro il cancro sul quale l’uomo può contare, almeno a livello farmacologico. Le varianti relativa al suo utilizzo sono molte, tra le quali figurano ovviamente il tipo di cancro e la reattività del paziente alla terapia. Prendiamo i malati terminali. Per loro, secondo uno studio recentemente condotto negli Stati Uniti, la chemioterapia rappresenta la panacea del male, la soluzione definitiva. Il problema è che non sempre è così. Anzi, quasi  mai nei casi presi in considerazione nella ricerca americana il risultato finale è stato una guarigione. Eppure circa l’70% dei malati terminali di tumore ai polmoni e l’80% di quelli affetti da cancro al colon pensano che la chemioterapia possa salvarli.

La realtà, secondo i ricercatori, è diversa: la chemioterapia può alleviare i sintomi e dare diversi mesi di vità in più al malato, ma al momento non molto più di questo. Commenta la coordinatrice dello studio, la dottoressa Deborah Schrag:

E’davvero facile per le persone avere aspettative che non sono ben allineate con la realtà. Vogliono essere quelli che sono riusciti a sconfiggere il cancro. Inoltre, i medici vogliono essere utili. Vogliamo essere positivi. Quello che è chiaro, è che tutto ciò che stiamo facendo in questo momento richiede di essere modificato. Dobbiamo muoverci su una linea sottile e offrire ai nostri pazienti la speranza per ciò che è possibile, ma cautela per ciò che è probabile.

Lo studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine, ha coinvolto circa 1.200 pazienti oncologici. I partecipanti sono stati interrogati circa quattro mesi dopo aver ricevuto la diagnosi di cancro. Tutti i partecipanti erano stati sottoposti a trattamento chemioterapico e presentavano tumori in stadio avanzato, con la presenza di metastasi. Migliore era la comunicazione con il proprio medico, più radicata era la certezza della guarigione attraverso la chemioterapia.

Fonte | New England Journal of Medicine

Photo Credit | Thinkstock

Commenti (1)

  1. In alcuni casi i trattamenti chemioterapici, utilizzati per combattere il cancro, possono lasciare effetti collaterali anche sulla pelle.
    Da parte nostra, il Board scientifico di “IL CORPO RITROVATO” è impegnato in attività di ricerca per l’accudimento, da un punto di vista dermo-cosmetologico, del paziente oncologico. Abbiamo attivato una community su Facebook e un forum sul nostro sito web dove è possibile ricevere e scambiare informazioni su questo delicato tema. Per info: http://www.ilcorporitrovato.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>