Nodulo tiroide benigno e radioiodio come terapia

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico
“Buona sera sono un signora di anni 75 mi hanno riscontrato due noduli tiroidei, per fortuna benigni; ora il mio oncologo mi ha consigliato di fare la cura con lo iodio radioattivo, mentre io avrei preferito fare l’ operazione, secondo lei la cura potrebbe recarmi gravi danni? Mentre l’operazione alla mia eta puo’ essere pericolosa? dovrei recarmi in ospedale per sapere quanto iodio mi devono somministrare ma ho letto che puo’ recare danni seri! nella attesa distinti saluti”.

noduli tiroide terapia radioiodio

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema nodulo tiroideo benigno

 

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per contatti diretti Email: [email protected] cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81.

“Salve, la terapia con radioiodio è indicata solo se i noduli descritti sono ipercaptanti alla scintigrafia e quindi producono più ormoni determinando ipertiroidismo che è pericoloso alla sua età.  Inoltre è una terapia di seconda linea nell’ipertiroidismo dopo terapia farmacologia con antitiroidei per un anno e seguente recidiva di malattia. Se i noduli non producono più ormoni allora possono non essere trattati almeno che essi non determinino deviazione della trachea, difficoltà di deglutizione o respirazione o disfonia; in tal caso vanno operati con asportazione del lobo tiroideo interessato oppure di tutta la ghiandola. Segue poi la terapia a vita con levotoroxina.

Quindi valuti bene (cioè cerchi di comprendere ndr)  il perchè le hanno consigliato il radioiodio. A prescindere da ciò la terapia radiometabolica prevede comunque delle radiazioni che non sono privi di effetti collaterali, ma se i suoi organi funzionano bene non dovrebbe avere dei danni; inoltre sono possibili anche reazioni allergiche.  Molto dipende anche dalla dose; e poi deve stare lontano da bambini e gestanti per 4-5 gg. L’operazione non è scevra da rischi ma ormai è di routine ed ha un’altissima possibilità di successo. L’importante è capire cosa sia meglio per il suo caso e farlo. Cordiali saluti”.

 

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Mario Francesco Iasevoli

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Terapia radioiodio per tumore tiroide, gravidanza dopo quanto ?

Tumore tiroide e rischio recidiva, quali analisi, test e terapia

Scintigrafia tiroide: a cosa serve, effetti collaterali e precauzioni

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock