Radiazioni Chernobyl, rischio cancro alla tiroide alto come nel 1986

di Paola Commenta

 La pesante eredità sulla salute pubblica dell’incidente occorso a Chernobyl nell’ormai lontano 1986 non ha mai smesso di preoccupare gli oncologi. La stessa Italia ogni anno ospita bambini provenienti dalle aree contaminate avviandoli a programmi di screening per la diagnosi tempestiva del cancro alla tiroide ma anche semplicemente per strapparli, seppur per poche settimane, agli effetti a lungo termine della contaminazione.

In questi giorni il tema della sicurezza nucleare è particolarmente sentito per via della crisi atomica che sta vivendo il Giappone a seguito del terremoto della scorsa settimana, terremoto che ha messo in ginocchio la centrale di Fukushima. Si teme una nuova Chernobyl.
Proprio riguardo a Chernobyl, la stima delle vittime è destinata a crescere e non ha mai smesso di farlo. A causa dell‘incidente nucleare più grave della storia occorso ad un impianto ci sono persone che devono ancora morire.

Il rischio cancro è ancora elevato come il primo giorno del disastro. Sembra incredibile ma è quanto afferma un recente studio pubblicato dalla rivista Environmental Health Perspectives e che porta la firma del National Institute of Health americano.

I dati provengono dal monitoraggio di un campione di 12.500 persone, tutte di età inferiore ai 18 anni al momento del disastro nucleare e residenti nelle aree limitrofe alla centrale.
Per ogni unità di radiazione assorbita la probabilità di ammalarsi di cancro alla tiroide risultava doppia.
Scrivono gli autori:

Non abbiamo trovato nessuna evidenza nel corso dello studio che indicasse una decrescita nel tempo del rischio di tumore. Quello che abbiamo osservato è che l’assorbimento delle radiazioni da Iodio-131 è proporzionale al rischio del cancro, che non sembra abbassarsi con il tempo.

Articoli correlati:

Terremoto in Giappone, gli effetti dell’esplosione nucleare sulla popolazione
Nucleare: sale l’allerta ed il rischio per la salute, l’Oms è pronta all’emergenza
Centrale nucleare Fukushima, gli scenari della contaminazione

[Fonte: Agi]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>