Tiroidectomia totale per tumore, sempre necessaria?

di Cinzia Iannaccio 0

Richiesta di Consulto Medico
Egregio Dott. , sono una ragazza di 19 anni e Le scrivo per chiedere un consiglio importante.Circa un mese fa mi sono accorta di avere il gozzo;mi e´ stato diagnosticato l´ipotiroidismo e poco dopo un tumore alla tiroide, ma purtroppo i dottori non sono riusciti a stabilire se si trattasse di un tumore benigno o maligno.Quindi sono stata operata  e mi e´stato rimosso solo il lobo destro (che era quello gonfio) per poter essere analizzato…….

……..Nonostante io abbia insistito fin dall’inizio per rimuovere tutto, dato che sono problemi che si potrebbero ripresentare in futuro, i dottori sostenevano che se ci fosse stata la possibilitá di evitare la cura ormonale a vita, dovevamo sfruttarla. Dalle analisi pero´risulta che si trattava di un tumore maligno ma che non si e´ esteso al lobo sinistro. Mi hanno detto pero´che il cancro era piu’ grande di 20 mm (33 mm) e per non rischiare che ci siano cellule maligno nel resto del corpo, dovro´fare una seduta o due di radioterapia che consiste solo nel prendere la pillola di iodio radioattivo. Il problema e´ che per fare questa terapia, dovro´prima subire un altro intervento per rimuovere l´altro lobo, altrimenti si accumulerebbe tutto la´ (questa e´stata la spiegazione dei medici). Quello che non mi capisco e´ come sia possibile che non ci sia un metodo per controllare se queste cellule maligne ci siano effettivamente ed evitare magari un´operazione chirurgica inutile. Una TAC di tutto il corpo, una risonanza magnetica, una radiografia o qualunque altra cosa, non potrebbe mostrare se c’e` un caso di metastasi o meno? E sono molto alte le probabilita´ che ci sia ? Scusi se mi sono dilungata molto ma sono veramente preoccupata e in dubbio. Vivo in Danimarca e diciamo che i medici non hanno una bella reputazione qui. Inoltre l´intervento e´ gia´ fissato per Lunedi´ 16. Spero di ricevere una risposta al piu´ presto. Grazie. Cordiali Saluti.

 

 

 

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema Consulto per tiroidectomia e tumore alla tiroide

 

 

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per appuntamenti Email: [email protected] Segreteria cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81. Si prega di utilizzare il numero telefonico ESCLUSIVAMENTE per appuntamenti e non per richieste di ulteriori consulti.

 

Salve, purtroppo c’è stato un errore diagnostico e interventistico (da quello che ci scrive ndr) , avrebbero dovuto effettuare prima un agoaspirato e secondariamente operare ovviamente l’intervento sarebbe stato di tiroidectomia totale e svuotamento dei linfonodi. ora non ha altre possibilità se non il reintervento perchè lo iodio radiattivo in presenza di residuo tiroideo non darebbe la certezza di una eradicazione totale del tumore con rischio di sviluppo di metastasi a distanza ed inoltre non sarebbe possibile fare il follow up ed i controlli a distanza per verificare che non ci sia una recidiva. Ogni esame indicato evidenzierebbero solo metastasi superiore ai 0,5 cm a distanza quindi uno stadio avanzato che sarebbe difficilmente curabile; le probabilità di micrometastasi non sono prevedibili e comunque non è questo il nodo della situazione.

Mi dispiace per l’errore ma non hai altre possibilità

In bocca a lupo

 

 

 

Leggi qui tutte le risposte del Dottor Mario Francesco Iasevoli

 

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

PTH e AbTg alti dopo tiroidectomia: recidiva tumore?

Tiroidectomia ed obesità: quali prodotti per dimagrire?

Tumore tiroide e rischio recidiva, quali analisi, test e terapia

 

 

Per porre altri quesiti ai nostri specialisti potete visitare la pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive” ed inviare la domanda attraverso il form specifico.

E’ doveroso da parte nostra ricordare e sottolineare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>