Tumore alla prostata e brachiterapia

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su tumore alla prostata e brachiterapia
Gent.le Professore, ho 61 anni , a febbraio c.a., dopo l’innalzamento del psa ( nel tempo di 18 mesi ) salito gradualmente da 5.50 a 9.80 mi sono sottoposto a biopsia prostatica con referto di un adenocarcinoma Gleason 6 3+3 ( prostata con volume circa 35 mm ) presente nel lobo sinistro. Trascorso un mese dalla biopsia mi e’ stata eseguita rm e pet che confermavano la presenza del tumore circoscritto anche sul lobo sinistro il tutto extra capsulare ( Diam 1 cm ). Sono seguito in un centro d eccellenza dove mi hanno detto che il caso si presta per la brachiterapia. Vorrei sapere se la brachiterapia anche secondo il Suo parere nel mio caso può’ essere una terapia valida. Io al momento sto bene. La ringrazio e sto in attesa di una sua risposta.”

 

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Tumore prostata e brachiterapia

 

 

Risponde il Prof. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti diretti www.ipertermiaitalia.it

 

 

Gentile signore, direi di si. L’impianto locale di emettitori radianti (brachiterapia) per quel che leggo appare idoneo. Si potrebbe pensare anche di rinforzare la terapia localmente con delle applicazioni di ipertermia oncologica. Cari saluti Prof. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

 

 

Per altri quesiti potete visitare la nostra pagina

Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive”.

E’ doveroso ricordare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

 

Photo Credits | RAGMA IMAGES / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>