Tumore alla prostata, cura con nuovo farmaco?

di Ma.Ma. Commenta

Nuove speranze per i malati di tumore alla prostata che potrebbero conoscere un rallentamento della malattia grazie ad Olaparib, un farmaco che fino ad oggi è stato usato nel trattamento del cancro al seno e alle ovaie ma che adesso potrebbe essere sfruttato anche per questo altro tipo di tumore. I risultati dello studio condotto sui potenziali effetti di questo medicinale sono stati pubblicati sul tabloid scientifico New England Journal of Medicine e danno dunque nuove speranze per tutti quegli uomini che si trovano costretti a fronteggiare una patologia molto importante.

Gli studiosi che hanno preso parte alla ricerca condotta dall’Institute of Cancer Research di Londra hanno testato il farmaco Olaparib su 49 pazienti malati terminali di tumore alla prostata: i risultati sono stati buoni perché la cura a base di questo farmaco ha rallentato di gran lunga il decorso del tumore in quattordici. Il farmaco avrebbe anche ridotto il numero di cellule malate che si trovavano nel sangue dei pazienti in osservazione. Insomma numeri importanti per un farmaco che potrebbe rappresentare la speranza per molti uomini malati di cancro alla prostata che, lo ricordiamo, è uno dei più diffusi nell’universo maschile.

TUMORE PROSTATA, 5 SINTOMI DA NON SOTTOVALUTARE

Joaquin Mateo, uno dei ricercatori dell’Institute of Cancer Research di Londra che ha preso parte alla ricerca inglese, ha dichiarato alla BBC che Olaparib potrebbe davvero rappresentare un importante passo avanti nella cura del tumore alla prostata.

E’ molto promettente. Chi ha partecipato al trial ha avuto un sopravvivenza attesa da 10 a 12 mesi e abbiamo molti pazienti trattati con il farmaco per più di un anno

Ovviamente adesso questo nuovo medicinale dovrà essere testato su un numero più alto di pazienti in modo da poter arrivare a dire con certezza di poter essere in grado di accrescere l’aspettativa di vita nei malati di cancro alla prostata.

Photo Credits | RAGMA IMAGES / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>