Tumori: i farmaci anti-cancro non sono disponibili per tutti

di Cinzia Iannaccio 0

Tumori: è discriminazione sui farmaci oncologici di nuova generazione. La denuncia arriva dal XII° Congresso dell’AIOM (Associazione Italiana Oncologia Medica) in corso a Roma. Spesso accade che un farmaco anti-cancro autorizzato dall’Aifa (Agenzia Italiana per il Farmaco) non arrivi a curare tutti i pazienti italiani: non è disponibile cioè in tutte le regioni del nostro paese. Perché queste differenze? Per quale strano motivo una donna affetta da un tumore al seno può trovare un antitumorale innovativo a Milano e non a Messina? Lo stesso vale per un cancro al polmone: esistono delle discriminazioni da Regione a Regione e a rimetterci sono i malati e le loro famiglie che magari leggono sui giornali di una nuova cura e non la trovano in ospedale.

Spesso anche voi lettori di Medicinalive ci segnalate casi di questo tipo. Ora sono direttamente gli oncologi (circa 3000 quelli riuniti in congresso) insieme alle associazioni dei malati e la Favo (Federazione italiana Associazioni di Volontariato in Oncologia) a denunciare il caso e a proporre una soluzione.

“Inserire subito un correttivo nel milleproroghe del Governo: solo in questo modo è possibile fare in modo che i farmaci autorizzati dall’Aifa vengano subito resi disponibili su tutto il territorio nazionale, senza passare dalle Regioni e senza costi aggiuntivi per il sistema sanitario nazionale. I tempi della sanità non coincidono con le esigenze dei pazienti: le inutili procedure burocratiche ritardano anche di anni l’accesso a farmaci oncologici innovativi in alcune parti d’Italia”.
Lo afferma il professor Francesco De Lorenzo, presidente Favo, sottolineando come attualmente la disponibilità automatica sia garantita solo per il 30% dei malati.  Un esempio? Per il cetuximab e l‘ibritumomab si attendono rispettivamente 4 anni e 45 mesi.
“Si tratta di farmaci salvavita ed è necessario un trattamento terapeutico uniforme su tutto il territorio – afferma Carmelo Iacono, presidente dell’Aiom.- Come tutti i medicinali, anche questi subiscono una rigorosa verifica ed autorizzazione da parte degli enti regolatori europei e italiani. In particolare, all’Aifa sono rappresentate anche le Regioni. Risulta quindi superfluo e inopportuno un ulteriore passaggio a livello locale”.
Opinione condivisibile. Stiamo parlando di tumori, ma il discorso vale anche per altre patologie come l’osteoporosi o l’artrite reumatoide. In particolare però, chi ha un cancro, non ha molto tempo per aspettare.
L’Aiom ha comunque ricordato che il ministro per la Salute Ferruccio Fazio si è detto disponibile già da un anno ad attivare cambiamenti in questo senso, ma la Conferenza Stato-Regioni non si è ancora pronunciata.
“Chiediamo una decisa svolta – concludono i referenti delle associazioni – i malati di cancro e le loro famiglie non possono più tollerare questo inaccettabile ritardo”.
[Fonte: Ansa, Aiom]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>