Artrite reumatoide, la nuova terapia è biologica

di Cinzia Iannaccio 10

E’ in arrivo una nuova terapia biologica per l’artrite reumatoide: si tratta di un anticorpo monoclonale particolarmente efficace. Il golimumab (questo il suo nome) infatti è indicato per ben tre diverse malattie reumatiche: l’artrite reumatoide, la spondilite anchilosante e l’artrite psorisiaca. Cinque diversi studi scientifici ne hanno testato la validità, la sicurezza e soprattutto la semplicità di somministrazione: attraverso un iniettore predosato e appositamente creato, basterebbe un’unica inoculazione sottocutanea al mese.

Un passo avanti molto importante nella cura di queste patologie: troppo spesso infatti la complessità dei piani terapeutici induce il paziente ad abbandonare le cure. Il nuovo farmaco è stato presentato a Roma nell’incontro stampa promosso dalla Schering-Ploug “Malattie reumatiche: verso una terapia dal volto umano”. Ricordiamo che queste patologie colpiscono il 10% degli italiani e rappresentano la seconda causa di invalidità dopo le malattie cardiocircolatorie, ma hanno il primato tra le patologie cronico degenerative.

Il 40% dei pazienti è costretto addirittura a cambiare o abbandonare il lavoro. Oggi le nuove terapie se effettuate precocemente possono rallentare il decorso clinico delle malattie reumatiche. Da qui il ruolo decisivo di una diagnosi precoce: se i dolori articolari superano i tre mesi consecutivi è opportuno rivolgersi ad uno specialista.

L’artrite reumatoide, addirittura, se diagnosticata entro le 12 settimane dalla sua insorgenza, può addirittura essere bloccata. Nel corso della conferenza sono state evidenziate anche altre particolarità: questa patologia degenerativa, non è tipica dell’invecchiamento, anzi: colpisce soprattutto le donne in età fertile (25-50 anni). Da qui si evincono una serie di complicanze anche di ordine psico-sociale:

“La qualità della vita di questi pazienti è particolarmente compromessa. Spesso perdono opportunità di carriera, sono costretti a compromessi lavorativi e a ridimensionare i loro progetti di vita – ha spiegato il prof. Giovanni Minisola, primario della Divisione di Reumatologia dell’Ospedale San Camillo di Roma – inoltre, vedono violato il diritto di privacy sulle proprie condizioni fisiche, non potendo nascondere il proprio stato di salute poiché il paziente reumatico porta sul corpo i segni della malattia”.

[Fonte: Il Tempo]

Commenti (10)

  1. BUON GIORNO. I MIEI DUE MIGNOLI SI SONO RIGONFIATE E SPORADICAMENTE SENTO DOLORE. HO LETTO CON GRANDE INTERESSE IL VOSTRO ARTICOLO E PRESO NOTA DEL NOME DEL FARMACO CONSIGLIATO PER L’ARTRITE. IL MIO MEDICO CURANTE PUO’ RILASCIARMI LA RICETTA, OPPURE DEVO PRIMA, FARMI VISITARE DALLO SPECIALISTA? RINGRAZIO IN ANTICIPO LA VOSTRA RISPOSTA. CORDIALI SALUTI

  2. @ frida:
    Hai già la diagnosi di artrite? Credo sia fondamentale quella prima di tutto e recarsi da uno specialista in malattie reumatiche è il primo passo. In genere poi dipende dalla tipologia dei farmaci. Per una prassi burocratica interna alla sanità, il medico di base x alcuni medicinali particolari ( o costosi) richiede una copia dell’indicazione terapeutica dello specialista.

  3. buongiorno,
    chiedo cortesemente se mi potete indicare un centro specializzato nel nord italia per la cura dell’artrite reumatoide…
    grazie

    1. Dicono che il centro di reumatologia di Brescia e quello piu adeguato

    2. Dicono che il centro di reumatologia di Brescia e quello piu adeguato.

  4. @ rossana:
    http://www.medicinalive.com/medicina-tradizionale/malattie-rare/malattie-reumatiche-conoscere-prevenire/
    In questo post abbiamo parlato dell’Attività dell’Istituto G. Pini, che si trova a Milano. Trovi il link con l’indirizzo.
    C’è poi il link ad una associazione Apmar. Qui clikka su sedi regionali Anmar. Troverai l’associazione più vicina a casa tua e le indicazioni più precise. Spero di esserti stata utile.
    Ciao

  5. Nel 2000 mastectomia sx con dissezione ascellare chemioterapia;nello stesso anno tiroidectomia,preservate le paratiroidi.Osteoporosi alta con crollo delle lombari,nel 2007 um mioma all’ovaio sinistro uno all’utro ed il terzo nella zona virtuale del Duglas.Adesso diagnosi diartite corrrosiva delle articolazioni con casi di cancro familiare.posso accedere alle terapie biologiche?

  6. @ donata vigneri:
    Non siamo medici, e quindi non in grado di risponderti adeguatamente, mi spiace. Sono certa però che il tuo specialista sarà in grado di fornirti le migliori spiegazioni al riguardo. I farmaci vanno sempre dati in base ai singoli casi.

  7. Salve,ho 30 anni e da 14 sono malata di artrite reumatoide e vivo all estero. .e sono sotto cura con cimzia farmaco biologico sapete dirmi se in Italia questo farmaco lo passa la cassa mutua oppure lo si deve pagare da se???

  8. Salve,ho 30 anni e da 14 sono malata di artrite reumatoide e vivo all estero. .e sono sotto cura con cimzia farmaco biologico sapete dirmi se in Italia questo farmaco lo passa la cassa mutua oppure lo si deve pagare da se?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>