Distorsione caviglia con frattura

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su distorsione caviglia con frattura
“Salve ho sempre sofferto di lassità della caviglia e 8 mesi fa mentre giocavano a calcetto ho subito una distorsione della caviglia sinistra. Riferisco raggi e risonanza magnetica di Luglio 2017):”piccolissima frattura parcellare dell’astragalo e la diastasi della pinza tibio-perone-astragalica con lesione distrattiva di alto grado a livello peroneo-astragalico anteriore. Inoltre una non completa riduzione dell’edema osseo da impatto sia al livello del III inferiore dei malleoli tibiale mediale e laterale che nella sede astragaloca inferiore in corrispondenza dell’articolazione con il substetaculum tali.” Ho portato 5 giorni il gesso poi 20 giorni il tutore Walker e 25 giorni il tutore bivalve. Ho effettuato 15 tecar, 5 laser, 10 magnetoteparie e propriocezio e mobilità. Mi sveglio con la caviglia sgonfia ma purtroppo quando cammino la caviglia si gonfia e dopo 8 mesi corro solamente 10 minuti;  poi oltre a gonfiarsi sento dolore, cosa posso fare? Grazie.”

Specializzazione Ortopedia e Medicina dello Sport
Tipo di Problema Pinza caviglia

 

Risponde il professor Francesco Bizzarri specialista in ortopedia e traumatologia, medico dello sport, dipendente dell’Università di L’Aquila e presidente nazionale della Società Italiana di Ginnastica Medica. Per contatti diretti: [email protected] o al cellulare 338/5665050

 

Egr.Sig. avrebbe dovuto ripetere la RMN per controllare e vedere non solo le fratture e le lesioni legamentose ma valutare l’edema intraosseo…..il gesso lo doveva portare per 20 gg.Saluti F.bizzarri

 

 

 

Leggi anche:

Algodistrofia caviglia dopo frattura, che fare? | MedicinaLive

 

Per altri vostri quesiti compilate il form ed inviate la vostra richiesta:

“Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>