Dolore schiena e gamba (coscia) sinistra, cause e cosa fare

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su dolore schiena e gamba sinistra
Salve mi servirebbe un consulto ortopedico per capire bene il mio problema. Sono un ragazzo di 25 anni ,1,85 cm x 84 kg. Cercherò di essere il più chiaro possibile. A gennaio di quest’anno ho praticato snowboard per un giorno intero, al termine del quale ho avvertito un leggero dolore alla gamba sinistra. Alcuni giorni dopo ho riscontrato un fortissimo dolore alla schiena , precisamente alla zona lombare, dolore che dopo qualche giorno di antinfiammatori è fortunamente passato e io ho continuato a praticare sport ( nello specifico corsa e palestra).

Il dolore si è ripresentato alcune settimane dopo e ho ritenuto opportuno parlare col mio medico di base il quale mi ha consigliato di fare una radiografia alla colonna e di andare da uno specialista. Dalla radiografia effettuata ho scoperto di avere : “ una emisacralizzazione destra dell’ultimo metamero lombare con conseguente riduzione dello spazio intersomatico compreso tra detto metamero e il I sacrale. Posteriormente ridotto lo spazio intersomatico L4-L5. Focali avvallamenti delle limitanti somatiche come piccole ernie di Schomorl . Lieve scoliosi”. Ho fatto vedere il referto ha uno specialista che visitandomi ha escluso una possibile ernia, mi ha descritto il problema dicendomi che non era nulla di grave. Tutto ciò succedeva a maggio. Continuando la mia attività sportiva dopo ho avuto dei fortissimi dolori lombari tanto forti da costringermi a letto per diversi giorni e a recarmi in pronto soccorso per una puntura antidolorifica. In seguito a tutti questi episodi ho quindi intrapreso la fisioterapia e anche qui il fisioterapista ha escluso una possibile ernia. In tutto ciò il mio problema ( che mi porto dietro da gennaio) è un dolore acuto alla gamba sinistra concentrato nella zona della coscia , dolore che parte da sotto il gluteo e si irradia per tutto il bicipide femorale e non arriva oltre il ginocchio.

Questo dolore non mi permetteva di compiere movimenti banali e giornalieri come sedersi e alzarsi e addirittura anche stare sdraiato sul letto. Il fisioterapista ha escluso anche una probabile sciatalgia . Ho dovuto interrompere anche la fisioterapia in quanto inconcludende perché i dolori persistevano , anzi la sera a fine seduta aumentavano. Da quando sono in totale riposo e ho smesso la fisioterapia la situazione è migliorata anche se ogni tanto ho qualche fitta nella zona della coscia. Ho interrotto l’attività sportiva da 4 mesi e per me è stato tremendo , vorrei sapere cosa posso fare in merito al mio problema se è risolvibile , se posso riprendere una qualsiasi attività sportiva. Lo specialista mi ha consigliato di perdere peso ma non potendo affrontare attività sportiva alcuna sembra molto difficile da attuare. Grazie anticipatamente , cordiali saluti

Specializzazione Ortopedia e Medicina dello Sport
Tipo di Problema dolori a schiena e gamba sinistra

Risponde il professor Francesco Bizzarri specialista in ortopedia e traumatologia, medico dello sport, dipendente dell’Università di L’Aquila e presidente nazionale della Società Italiana di Ginnastica Medica. Per contatti diretti: [email protected] o al cellulare 338/5665050

Egr.Sig.Giovanni , da quello che Lei ha scritto sembrerebbe che abbia avuto un attacco di sciatica. Il referto radiografico non dice assolutamente nulla; prima di riprendere una qualsiasi attività sportiva io Le consiglio una RNM del rachide lombo-sacrale. Saluti F.Bizzarri

 

>> Leggi tutte le risposte del Professor Francesco Bizzarri

 

Leggi anche:

Mal di schiena, dolori muscolari ed articolari: i rimedi naturali se la colpa è del freddo

Dolore alla gamba

 

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>