Fastidio al ginocchio, è il legamento crociato?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico
Buonasera, premesso che sono una donna di 34 anni e gioco a pallavolo da circa 20 vorrei un consulto riguardo un fastidio al ginocchio. Tre settimane fa ho iniziato ad accusare delle fitte improvvise a destra appena sopra la rotula e sia a sinistra che a destra sotto la rotula. Ed a volte anche all’ interno del ginocchio. Mi sono astenuta dal fare allenamenti di pallavolo x due settimane e nel frattempo ho fatto una risonanza magnetica il cui referto e’: ……….

 

……….” Fenomeni di sovraccarico compartimentali femoro-tibiale mediale. Alterazioni involutive a carico delle fibrocartilagini meniscali piu’ evidenti a livello del menisco interno, sede di iniziali fenomeni fissurativi del corpo-corno posteriore, in assenza comunque di lesioni traumatiche. Non lesioni traumatiche a carico delle strutture del pivot centrale e dei legamenti collaterali. Rotula in asse , con evidenza di lievi segni di condropatia all’interfaccia articolare femoro-rotuleo,piu’ evidente sul versante rotuleo mediale. Tendinosi inserzionale del quadricipite e del rotuleo di entita’ contenuta. Minima falda fluida intra articolare”. I fastidi con il riposo si sono attenuati notevolmente. Sono andata cmq da un ortopedico x una visita,guardando approssimativamente qualche immagine della risonanza e con un breve test di movimenti del ginocchio mi ha detto che ho un crociato instabile. Ma non ha aggiunto altro se non propormi un infiltrazione di acido jaluronico nel caso in cui i fastidi si fossero ripresentati. Mi chiedevo a questo punto….chi ha ragione?? L’ ortopedico o la risonanza??….e’ il caso di sentire un altro medico o magari sentire un fisiatra x eventualmente fare della fisioterapia??….. Ho iniziato degli esercizi di potenziamento del quadricipite ma prima di tornare in palestra ad allenarmi seriamente vorrei essere sicura di non peggiorare la situazione. Grazie mille

 

 

Specializzazione Ortopedia e Medicina dello Sport
Tipo di Problema fastidio al ginocchio
Risponde il professor Francesco Bizzarri specialista in ortopedia e traumatologia, medico dello sport, dipendente dell’Università di L’Aquila e presidente nazionale della Società Italiana di Ginnastica Medica. Per contatti diretti: [email protected] o al cellulare 338/5665050

 

Egr.Sig.ra ,purtroppo,la comunicazione è una cosa seria;il fatto che la RMN dica :”non lesioni a carico del pivot centrale”..non significa che il Legamento Crociato non possa essere più lasso del normale, quindi hanno ragione sia la RMN che Le dice che non ha alcuna lesione , che l’ortopedico che visitandola ha riscontrato una maggiore lassità. Ma comunque il suo problema principale non è quello, bensì di sovraccarico e di condropatia.Vista la sua giovane età, io sono contrario alle infiltrazioni di Ialuronico, oggi le infiltrazioni si fanno con il gel piastrinico che altro non è che il suo sangue trattato.Veda se nella sua zona c’è qualcuno che le fa, a volte oltre agli ortopedici le fanno anche i radiologi sotto guida TC.Comunque io sentirei un altro ortopedico. Saluti F.Bizzarri

 

 

 

 

 

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post su argomenti simili:

 

Fastidio al ginocchio e risonanza magnetica

Dolore al ginocchio

Dolore al ginocchio dopo palestra

Condropatia femoro-rotulea (ginocchio), quale cura efficace ? Risponde l’ortopedico

Infortunio al legamento crociato posteriore

Se il legamento fa crack..la rottura del legamento crociato anteriore

Artrosi del ginocchio: sintomi, esercizi di ginnastica, cure naturali o protesi

Plasma arricchito di piastrine: cicatrizzazione e rigenerazioni a  tempo di record

 

 

 

 

 

 

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie: Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

 

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>