Frattura delle costole, sintomi e cosa fare

di Valentina Cervelli Commenta

La frattura delle costole è la rottura più o meno grave di una o più coste che compongono la gabbia toracica. Si tratta di un trauma comune soprattutto in coloro che per via di un incidente o una brutta caduta subiscono un colpo nella parte alta del torso.

 

Sintomi della frattura delle costole

I sintomi della frattura delle costole sono principalmente un dolore molto forte al torace durante la respirazione profonda, un gonfiore evidente e la presenza di un’ematoma più o meno esteso in corrispondenza della rottura delle stesse. Non è un infortunio che deve essere preso alla leggera, sebbene perfettamente curabile. La sua pericolosità potenziale è molto alta:  le costole fratturate possono infatti lesionare i vasi sanguigni della zona interessata e organi come i polmoni con conseguenze molto gravi come un’insufficienza respiratoria.

Entrando nello specifico della sintomatologia, ovviamente l’entità del dolore cambia da un paziente all’altro a seconda del punto di rottura, le costole interessate e la tolleranza della persona relativamente alla sensazione dolorosa. E’ necessario fare particolare attenzione: questa peggiora con la compressione della parte del torace infortunata, quando il paziente prende respiri profondi e se lo stesso esegue torsioni del corpo o si piega. Altri sintomi che possono presentarsi sono:

  • Mal di testa
  • Vertigini
  • Sonnolenza o stanchezza
  • Giramenti di testa
  • Mancanza di fiato
  • Ansia.

Cosa fare in caso di fratture alle costole

Se dopo un trauma al torace si prova un forte dolore che non passa e si hanno problemi a respirare è bene per il paziente recarsi immediatamente in un pronto soccorso. La terapia adottata in caso di fratture alle costole prevede essenzialmente riposo, ghiaccio sulla zona dolorante e farmaci antidolorifici: questo ovviamente dopo aver diagnosticato la gravità della rottura. L’uso di medicinali in grado di rendere più agevole la convalescenza del paziente è basilare: riducendo il dolore è possibile eseguire respiri profondi e ridurre il rischio di una polmonite. Motivo per il quale viene anche suggerito di tossire o compiere un respiro profondo almeno due volte ogni ora.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>