Apnea del sonno legata a disfunzione erettile

di Paola 1

La sindrome dell’apnea ostruttiva nel sonno (Osas) è un disturbo molto diffuso che ora può trovare una preoccupante associazione negli uomini con un’altra patologia abbastanza comune nel sesso maschile: la disfunzione erettile.
Secondo una recente ricerca, infatti, gli uomini che soffrono di apnea del sonno possono essere altresì colpiti da una forma curabile di disfunzione erettile, provocata dalla regolare privazione di ossigeno che avviene durante gli attacchi che ostruiscono le vie respiratorie.

I ricercatori che hanno condotto questo studio, un’equipe della University of Louisville, hanno scoperto, realizzando una sperimentazione su topi di laboratorio, che nel corso di una settimana in cui gli animali erano affetti da ipossia cronica intermittente, vale a dire la mancanza di ossigeno  provocata dall’apnea ostruttiva del sonno, si registrava un declino pari al 55% delle erezioni quotidiane spontanee.



Dopo cinque settimane nelle medesime condizioni, il lasso di tempo intercorrente tra un tentativo di accoppiamento dei topi e l’altro aumentava addirittura di sessanta volte.
I risultati di questo studio, pubblicati sulla rivista scientifica American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine, hanno inoltre dimostrato che quando nei topi veniva ristabilito il normale equilibrio e la giusta quantità di ossigeno, erano sufficienti sei settimane affinchè recuperassero il 74% della loro originaria funzione erettile.
Utilizzando un trattamento a base di tadalafil, che aumenta la disponibilità di ossido di azoto, il miglioramento nelle attività sessuali e nella capacità di erezione ritornava ai livelli normali.

Secondo quanto affermato dal dottor David Gozal, autore principale della ricerca:

Anche brevi periodi di apnea da sonno sono associabili a significativi effetti controproducenti sulla vita sessuale e sulla funzione erettile.

Giovanni Heffner, dell’American Thoracic Society, spiega:

Anche se questo studio è stato eseguito per ora soltanto sugli animali, l’ipossia cronica intermittente ha profonde ripercussioni su più organi ed esiste un’alta probabilità che simili risultati saranno osservati anche negli esseri umani.
E’ importante individuare una terapia all’apnea del sonno, soprattutto considerando l’alta incidenza di questa malattia e le sue conseguenze deleterie per la salute sessuale maschile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>