Basta biopsie, diagnosi tumore con biochip

di Valentina Cervelli 0

Dire addio alla biopsia per la diagnosi dei tumori grazie ad un biochip: uno strumento non invasivo che tiene sotto controllo costantemente la salute del paziente individuando le cellule malate nel sangue.

E che è in grado di eliminarle, similmente a come lavora una dialisi con le tossine. Si tratta di un’invenzione messa a punto in Australia nel Centre for Nanomedicine che secondo gli esperti potrebbe modificare definitivamente l’approccio medico nei confronti dei tumori. Di sicuro quello relativo alla diagnosi degli stessi. Ne è convinto anche il coordinatore dello studio dedicato a questo nuovo strumento, Majid Warkiani. L’invenzione della sua squadra infatti è in grado di controllare il sangue, di trovare le cellule cancerose e di eliminarle prima che attacchino quelle sane. Senza contare che la composizione stessa del biochip ne favorirebbe l’utilizzo su qualsiasi tipologia di paziente. Spiega il ricercatore:

E’ come una biopsia liquida non invasiva che può segnalare la presenza di qualsiasi tipo di cancro solido, che sia ai polmoni, al seno o all’intestino, senza dover ricorrere alla chirurgia. Il biochip potrà essere usato sia per una diagnosi tempestiva, sia per monitorare la risposta del paziente ai trattamenti.

L’addio alla biopsia sarebbe quindi realmente vicino. In fin dei conti il biochip funziona come una sorta di filtro, ripulendo il sangue e di conseguenza “raccogliendo” materiale da analizzare. La ricerca medica è impegnata da tempo nello sforzo di modificare l’approccio al tumore in modo tale da superare l’utilizzo di radioterapia e chemioterapia, utili ma non libere da gravi effetti collaterali. Questo dispositivo, nello specifico, non può essere però utilizzato come cura del cancro: secondo i suoi inventori potrebbe aiutare il paziente a sopravvivere più a lungo, dandogli modo inoltre di evitare una procedura come la biopsia, invasiva e dolorosa. Questo perché filtrando il sangue si potrebbe riuscire ad evitare con una maggiore facilità la formazione di metastasi.

Photo Credits | jovan vitanovski / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>