Buccia di mela fa bene ai muscoli

di Valentina Cervelli Commenta

La buccia di mela fa bene ai muscoli. Ed insieme a quella dei pomodori può essere utile per combattere la distrofia tipica dell’invecchiamento.E’ questo che ci suggerisce uno studio condotto dagli scienziati dell’Università dell’Iowa.

Con l’avanzare dell’età la muscolatura delle persone può subire un naturale indebolimento, a prescindere dall’attività fisica svolta per tutta la vita: passeggiate e palestra sono molto utili per rimanere in forma ma non possono nulla a livello genetico contro la proteina ATF4. Essa è un fattore di trascrizione che con il passare degli anni altera l’espressione di alcuni geni che agiscono a livello muscolo-scheletrico causando una riduzione della massa muscolare e della sua forza per via di una minore sintesi proteica.

Grazie allo studio condotti dai ricercatori americani e pubblicato sulla rivista di settore Journal of Biological Chemistry, è stato possibile comprendere che sia la tomatidina che l’acido ursolico sono in grado di rallentare l’invecchiamento dei muscoli e la perdita di forza e di massa riducendo l’attività della proteina sopra descritta. Queste due sostanze come si sarà capito, sono contenute nelle bucce delle mele e delle bucce dei pomodori. Due composti naturali che su modello animale hanno mostrato di essere pienamente efficaci. Non solo: aggiungendo questi elementi alla dieta per due mesi le cavie hanno sperimentato un aumento della massa muscolare del 10% e un incremento della forza pari al 30%. Come ha spiegato il prof. Christopher Adams, coordinatore della ricerca, i risultati ottenuti gettano le basi per la messa a punto sia dell’atrofia muscolare, sia per i conseguenti problemi negli anziani.

Riuscire a trasformare in un farmaco questa scoperta di certo migliorerebbe la qualità di vita e di salute delle persone in avanti con l’età, dando loro modo di essere maggiormente autonomi nonostante il progredire degli anni. Non dovremmo, a quanto pare, aspettare tanto: il team statunitense è già al lavoro sulla creazione di supplementi a base di tomatidina e acido ursolico. Nel frattempo, vi consigliamo di mangiare questi frutti della terra nella loro interezza.

Photo Credits | ArtShotPhoto / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>