Cellule: creato un “topo lucciola” per studiarne proliferazione

di Valentina Cervelli 1

 Un topo transgenico per studiare la proliferazione cellulare. La sua particolarità? Le cellule delle quali è ovviamente composto creano “luminescenza” quando in fase di crescita. Questo particolare animale (topo-lucciola, N.d.R.) battezzato “MITO-Luc” è stato creato dai ricercatori del laboratorio di ricerca di Oncogenesi Molecolare dell’Istituto Regina Elena di Roma, e lo studio relativo è stato pubblicato sulla rivista Molecular Biology of the Cell, guadagnandone la copertina.

Lo speciale animale è stato ottenuto unendo il gene della luciferasi, una proteina prodotta dalle lucciole naturalmente ad un frammento di DNA del topo correlato al fattore di trascrizione coinvolto nel processo di divisione e moltiplicazione cellulare. Esso agisce nel nucleo cellulare ed entra in attività solo in cellule proliferanti, che si stanno quindi dividendo, e non in quelle che sono uscite dal ciclo replicativo. Questo particolare processo messo a punto nel corso dello studio consente alle cellule di emettere della luce naturale tale e quale a quella degli insetti in questione, senza che l’animale subisca alcun danno.

Questo particolare approccio “genetico” consentirà di dare vita a dei modelli animali in grado di far studiare in modo più efficace le sostanze ed i ritrovati farmaceutici messi a punto per combattere la proliferazione dei tumori.

Spiega la dott.ssa Giulia Piaggio, coordinatrice del team di ricerca:

Le nostre conoscenze sul fattore di trascrizione derivano da quella che possiamo chiamare ricerca di base. Il modello murino invece scaturisce dalla nostra volontà di trasferire questi risultati alla ricerca pre-clinica. Noi pensiamo che i topi MITO-Luc siano un potente strumento per misurare rapidamente e facilmente la proliferazione cellulare in molte applicazioni sperimentali d’interesse medico. Inoltre, sono utili per prevedere, mappare e caratterizzare la tossicità di vecchi e nuovi composti anti proliferativi con grandi implicazioni nel campo oncologico e farmaceutico.

Questa particolare modificazione genetica consente di visionare tali cambiamenti all’interno dell’animale attraverso l’utilizzo di una semplice macchina fotografica, senza interventi od operazioni che potrebbero stressare ulteriormente la cavia.

Photo Credit | Isabella Manni and Gabriele Toietta (IRE)

Articoli Correlati:

Cellule, staminali modificate per combattere l’HIV

Cellule staminali per correggere errori nel dna

Fonte: Molecular Biology of the Cell

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>