Malattie degenerative, la danza riattiva i neuroni

di Tippi Commenta

Ballare non è solo un modo per tenere in forma il nostro corpo, ma anche un rimedio naturale contro le malattie degenerative. La danza, infatti, sarebbe in grado di riattivare i neuroni, lo confermano gli studi portati avanti in questo settore da numerosi centri scientifici.

Il ballo, sembra sia un vero toccasana contro tutte le patologie associate all’invecchiamento. Contrasta, infatti, il processo degenerativo, rinvigorendo la memoria e le capacità mentali. L’argomento, è oggetto di studi da parte degli istituti più prestigiosi del mondo che stanno investendo molto sull’argomento. In Gran Bretagna, qualche anno fa’ è stato creato anche un apposito centro, il “Dance Psychology Lab” dell’università inglese dell’Hertfordshire. L’Italia non è da meno, anche il Centro per la malattia di Parkinson dell’Università di Milano, ha organizzato più volte gruppi di ballo per i pazienti. I risultati più importanti ottenuti finora, infatti, sono arrivati dal giusto mix di farmaci e danza.

Chi soffre di Parkinson, perdendo la mobilità automatica, vale a dire circa l’80% della mobilità generale, deve sforzarsi per compiere ogni tipo movimento. La fisioterapia, in questo senso, è indispensabile, ma richiede sedute lunghe e noiose, mentre il ballo è un’ottima alternativa, egualmente efficace, con il pregio di essere più divertente poiché comporta una maggiore partecipazione.

La danza, infatti, migliora il controllo muscolare, e l’umore, rafforza l’elasticità delle articolazioni e la memoria procedurale perché ci sono i passi da ricordare, il ritmo da seguire. In questo modo tiene attivo il cervello, ritardando la comparsa del morbo di Alzheimer o di Parkinson.

La tendenza di quasi tutti i pazienti affetti da malattie degenerative, è quella di isolarsi e di ridurre il movimento. La danza, perciò, come la musica o il teatro, è in grado di risvegliare gli automatismi psicologici legati a ricordi ed emozioni, con effetti positivi anche sulle reazioni neurologiche.

Articoli correlati:

Rallenta l’invecchiamento ballando
La dieta contro Alzheimer e malattie degenerative

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>