Musica efficace come terapia?

di Valentina Cervelli 1

La musica potrebbe essere un valido supporto alle tradizionali terapie per combattere il dolore ed aiutarci a guarire dalle patologie? Secondo i ricercatori del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School di Boston la risposta è positiva:  sarebbe infatti in grado di influenzare positivamente il sistema immunitario ed il sistema nervoso simpatico.

Quello che solitamente per noi ogni giorno è un piacere per l’animo, ovvero l’ascoltare la musica, potrebbe quindi avere anche una discreta valenza terapeutica aiutando il nostro corpo a migliorare e regolare le nostre funzioni corporee involontarie. Lo studio, di tipo revisionale, ha voluto verificare gli effetti della “musicoterapia” sui pazienti ed ha reso possibile notare come la stessa sia in grado di veder scendere sensibilmente i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress, all’interno dell’organismo.  Una sostanza che interferisce in modo negativo con la naturale azione del sistema immunitario. Sapevate che livelli squilibrati di questo ormone sono collegati ad ansia e depressione?

Gli scienziati, la cui ricerca è stata pubblicata sulla rivista di settore Nutrition,  hanno voluto valutare l’effetto della musica in diverse condizioni cliniche e su diverse patologie. Per ciò che riguarda le persone sottoposte ad interventi chirurgici, è stato notato che l’ascolto di musica portava negli stessi un calo drastico del cortisolo che si traduceva nella capacità di guarire più velocemente. Non solo: la musicoterapia si è distinta anche per un abbassamento dell’incidenza di insufficienza cardiaca; per la stimolazione in positivo del sistema immunitario e dell’apparato digestivo e per la capacità di ridurre la percezione del dolore con un minore bisogno di utilizzo dei farmaci antidolorifici.

Uno studio interessante quindi, che ha evidenziato come la musica, con la sua azione, possa divenire una sorta di “terapia” in più, grazie alla sua capacità di agire su livelli differenti. Anche in questo caso però, non ce ne vogliano gli ascoltatori di heavy metal, questi benefici sono stati collegati all’ascolto di musica armoniosa e melodica.

Fonte | Nutrition

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>