Stretta di mano, indica lo stato di salute

di Valentina Cervelli 0

Può una stretta di mano rivelare lo stato di salute di una persona? Sembrerebbe di si, almeno stando a ciò che suggerisce uno studio condotto sul tema da un gruppo di ricercatori canadesi. Ma sarà davvero così?

 

Secondo la ricerca condotta dal professore Robert Kilgour e dal suo team, di stanza presso la Concordia University, il modo in cui una persona stringe la mano potrebbe addirittura prevedere le probabilità di sopravvivere della stessa allo sviluppo di un cancro. Le loro considerazioni in merito sono state pubblicate sulla rivista di settore Supportive Care in Cancer. Ovviamente tale valutazione non avviene con una stretta apposta sulla mano di un medico che soggettivamente valuta la questione, ma attraverso uno strumento specifico, chiamato “dinamometro”.

Per i ricercatori che si sono impegnati in questo studio, questo approccio è uno dei test non invasivi che possono essere utili per “categorizzare” i pazienti in base al grado di serietà della malattia . Non solo: tramite questo mezzo si potrebbero stabilire le tipologie di intervento delle quali i pazienti avrebbero bisogno. Parliamo di interventi funzionali, ma anche clinici e nutrizionali: insomma un modo per comprendere effettivamente le necessità del malato, sia per ciò che concerne la sua salute mentale che la sua salute fisica.

Questo studio in particolare ha focalizzato la sua attenzione sulle patologie cancerose, ma il dinamometro, secondo il professor Kilgour, può essere applicato a qualsiasi altra malattia, proprio partendo dalla potenza usata nella stretta di mano. Di solito da questo gesto noi tendiamo ad indovinare come è il carattere di una persona: quando la stretta è potente la colleghiamo ad un carattere forte e deciso, e quando qualcuno fa scivolare via la mano senza quasi stringere affatto, automaticamente pensiamo ad una persona schiva, debole, non sicura di se.

Questa ricerca ci insegna al contrario che se qualcuno stringe poco la nostra mano, potrebbe al contrario avere un carattere forte, ma essere vittima di qualche malattia che ne mina il fisico.

Fonte | SCC

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>