Tradimento, dipende dal DNA?

di Valentina Cervelli Commenta

Il tradimento? Potrebbe essere una questione di DNA piuttosto che di semplice psicologia e influenze culturale. Sono studi ancora preliminari, ma hanno trovato pubblicazione ed uno spazio di dibattito presso il Congresso dell’Associazione europea di Psichiatra appena conclusosi a Vienna. Vogliamo parlare di geni del tradimento?

A quanto pare ad essere i maggiori colpevoli sarebbero i geni che regolano la dopamina e l’ossitocina. Due sostanze che hanno la capacità di far sentire bene le persone e che agiscono attivamente sulla sfera dell’attrazione e della ricerca di legami ed in altri contesti. Come spiega il dott. Richard Balon, dell’Università Waynestate di Detroit:

Alcuni primi studi pubblicati di recente suggeriscono che vi sono soggetti più o meno predisposti geneticamente alla fedeltà o all’infedeltà sessuale. Tale predisposizione genetica sarebbe correlata ai sistemi ormonali della dopamina, l’ormone del piacere e della curiosità, e dell’ossitocina, noto anche come l’ormone della gravidanza e dei legami.

Ovviamente la questione deve essere studiata in maniera più attenta: per ora ci si deve limitare a formulare una ipotesi che non può rappresentare una giustificazione per nessuno. Questo non toglie, spiegano gli esperti, però che non ci si può limitare alla sola spiegazione psicologica, che non appare più sufficiente generalmente, soprattutto se si prendono in considerazioni gli ultimi studi sul tema.

Contestualmente al tradimento e quasi in opposizione vi è un altro problema che colpisce fortemente la società e che rischia di destabilizzare la popolazione: il calo del desiderio che sempre di più colpisce indistintamente tra uomini e donne. Diversi farmaci sono allo studio per poter risvegliare la libido, agendo direttamente sugli ormoni e i neurotrasmettitori coinvolti nel desiderio. Se il tradimento ha alla base davvero questa incredibile componente ormonale, la speranza è che eventuali rimedi per la mancanza di voglia non vadano ad interagire con quello che è il comportamento “fedele” della persona.

Photo Credits | BlueSkyImage / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>