Il futuro della medicina è il vaccino “personalizzato”

di Marco Mancini Commenta

Alcuni bambini possono essere protetti geneticamente da alcune malattie, e dunque la forma standard di un vaccino potrebbe non funzionare su di loro. Per questo, in futuro, potrebbe essere effettuato un vaccino personalizzato. Questa è la prospettiva emersa dalla scoperta di varianti genetiche che sembrano predire se una persona potrà produrre sufficienti anticorpi in risposta ad un vaccino per proteggersi contro la malattia.

I vaccini espongono il sistema immunitario ad una versione disattivata di un agente patogeno. Ciò induce la produzione di anticorpi specifici, che si legano alla malattia che causano se la persona vaccinata è in seguito esposta ad essa. Anche se tutti noi di solito riceviamo gli stessi vaccini nelle stesse dosi, non a tutti la malattia produce abbastanza anticorpi specifici in risposta. Come risultato, tra il 5 e il 20% delle persone vaccinate contro l’epatite B, e tra il 2 e il 10% dei vaccinati contro il morbillo, non saranno protetti, se mai incontreranno questi virus.

Vari fattori determinano la protezione, ma è chiaro che i geni giocano un ruolo importante. Scoprire che le varianti del gene portano ad una risposta anormalmente debole al vaccino potrebbero consentire alle persone con queste varianti di effettuare vaccinazioni alternative. Queste potrebbero assumere la forma di dosi più elevate di vaccini standard, o una versione modificata di essi.

Per capire quali geni contribuiscono a determinare la risposta immunitaria ai vaccini per l’infanzia comuni, Berran Yucesoy del National Institute for Occupational Safety and Health in Morgantown, West Virginia, e i suoi colleghi si sono concentrati sui geni che codificano le citochine. Queste molecole di segnalazione delle cellule aiutano a produrre anticorpi e infezioni per produrre le “cellule combattenti”.

Analizzando il DNA di 141 bambini sani di età compresa tra 11,5 e 14 mesi, sono state ricercate variazioni in 11 geni di citochine. Hanno poi dato i bambini i vaccini di routine per l’epatite B e pneumococco e uno standard di difterite-tetano-pertosse, e hanno misurato i livelli di anticorpi nel sangue. Quando il team ha analizzato i risultati, ha trovato le variazioni singole variazioni in sette dei geni delle citochine, che sono stati più comuni nei bambini che hanno prodotto bassi livelli di anticorpi in risposta a determinati vaccini. La maggior parte delle varianti sono state associate agli anticorpi di una sola malattia, anche se in un caso, la variante stessa è stata associata a un minor numero di anticorpi anti-tetano e di più per il pneumococco.

Se i risultati fossero confermati, i geni dei neonati potrebbero essere regolarmente sottoposti a screening per queste varianti prima della vaccinazione. Se un bambino ha alcune varianti, le citochine mancanti potrebbero essere aggiunte alla formulazione del vaccino. Un’altra opzione potrebbe essere quella di aggiungere stimolanti immunitari o dare una dose più alta di vaccino, per aumentare la risposta dai geni.

[Fonte: New Scientist]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>