Vaccino antinfluenzale: arriva Laiv, quello nasale

di Valentina Cervelli 2

Con l’arrivo della stagione fredda anche l’influenza raggiunge man mano il suo picco. Per ovviare al problema ogni anno parte una campagna di vaccinazione mirata, ma spesso le famiglie tendono a non usufruirne (è un dato di fatto, n.d.r.) per paura di effetti collaterali e per paura di reazioni locali alla puntura. A breve questo problema verrà superato, con l’entrata in vigore dell’utilizzo di Laiv, un vaccino somministrabile per via nasale.

Laiv, acronimo di Live Attenuated Influenza Virus, è un vaccino antinfluenzale in grado di offrire una protezione molto ampia priva di particolari effetti collaterali. Ed ancora più importante, specialmente per ciò che riguarda i bambini, come vi abbiamo anticipato può essere somministrato autonomamente attraverso il naso. Sarà disponibile il prossimo anno insieme al normale vaccino trivalente che viene attualmente somministrato per via intramuscolare.

Il rivoluzionario vaccino è stato presentato di recente presso il 30° Congresso di Antibioticoterapia in età pediatrica. Sebbene nei bambini al di sotto dei due anni permanga il rischio di bronocospasmo e di conseguente ospedalizzazione,  viene indicato come sicuro dai 24 mesi in su. A quanto pare, tra i lati positivi di questo nuovo tipo di vaccinazione nasale, vi sarebbe non solo un  approccio più veloce e sicuro al paziente, ma anche una rapidità nel processo di produzione che potrebbe portare a coprire una fascia di popolazione più ampia rispetto a quella attuale.

Come sottolinea il dott. Giuseppe Di Mauro, Presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale:

La velocità di preparazione del vaccino LAIV, disponibile in una quantità tale da poter vaccinare anche i soggetti sani, è da considerare un progresso considerevole nella prevenzione dell’influenza. Infatti, l’efficacia della vaccinazione antinfluenzale, che oramai è ben accertata nelle categorie a rischio, è sicuramente utile anche per bambini e adulti sani.

Chissà se in questo modo si sarà in grado di evitare  i picchi di malati visti ciclicamente finora.

Articoli Correlati:

Vaccino antinfluenzale: 300mila dosi ritirate per effetti collaterali

Influenza 2011: virus, consigli, prevenzione e vaccino

Fonte: Asca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>