Antibiotici, spot horror per uso consapevole (VIDEO)

di Valentina Cervelli Commenta

Quello della resistenza agli antibiotici è un problema tra i più gravi riguardanti la salute delle persone. Cosa vi può essere di meglio di uno spot ben fatto per far comprendere alla gente che un uso consapevole è migliore per la salute? Ci ha pensato Ricky Tognazzi grazie alla nuova campagna della SITASocietà Italiana Terapia Antinfettiva.

ricky-tognazzi-sita

Antibiotici – La nostra difesa numero 1” è un’iniziativa di sensibilizzazione lanciata in merito ai superbatteri ed alla loro pericolosità. Questi microrganismi hanno infatti sviluppato la capacità di resistere a quasi tutti gli antibiotici disponibili. L’attore e regista Ricky Tognazzi, che ha curato lo spot, è il testimonial di questa iniziativa. E ne è protagonista: nel video “Supervampiro“, spiega in modo divertente e sincero come se si abusa di un rimedio inutilmente si rischia di rendere più forti i propri nemici. Ciò che la popolazione mondiale ha fatto con gli antibiotici rendendoli sul lungo termine inefficaci.

Gli esperti della SITA vogliono ricordare come la situazione sia più grave di come venga percepita dalle persone. L’Organizzazione mondiale della Sanità è stata chiara su questo: se non si cambia registro entro il 2050 le infezioni resistenti a questa classe di farmaci rappresenteranno la prima causa di morte al mondo. Si stimano più vittime annuali di quelle causate dal cancro. Spiega il presidente della SITA Claudio Viscoli:

Ci rivolgiamo direttamente a tutti i cittadini perché sono loro i principali fruitori degli antibiotici e devono sapere che questi farmaci rischiano di perdere la loro efficacia. Gli antibiotici sono gli unici farmaci il cui cattivo uso si riflette sulle generazioni future e devono essere assunti al dosaggio giusto, per il tempo giusto e allo scopo di curare le infezioni batteriche e non quelle virali.

Gli antibiotici, è necessario ricordarlo, devono essere usati solo se necessari e prescritti; nel dosaggio e nella tipologia giusta ed è necessario completare il ciclo a prescindere da come ci si sente.

Potrebbero interessarti:

Resistenza antibiotici, via libera FDA a nuovo test

Scoperto nuovo batterio resistente agli antibiotici