Influenza, arriva picco: pronto soccorso in tilt

di Valentina Cervelli Commenta

L’influenza raggiunge il proprio picco in questi giorni, esattamente come predetto dagli esperti: e gli italiani mandano i pronto soccorso delle proprie città in tilt presentandosi ai triage con i sintomi di questa malattia.

Il virus dell’influenza stagionale non ha risparmiato vittime quest’anno. La “Svizzera” è tornata a contagiare ma in modo meno intenso rispetto allo scorso anno. Sono stati in buona parte gli sbalzi di temperatura a rendere difficile agli italiani la gestione di questa patologia, aggiungendo al malessere derivante dal virus anche la difficoltà di ripresa dalla stessa.  E al contempo mettendo a maggiore rischio anche le persone che si erano sottoposte alla vaccinazione. Non si può ignorare il fatto che il vaccino è ovviamente è in grado di aiutare le difese dell’organismo a lavorare contro il virus dell’influenza ma non può fare nulla rispetto alle sindromi parainfluenzali che coinvolgendo le vie aeree e l’apparato intestinale minano ulteriormente la salute delle persone.

Ed è proprio per questa sintomatologia aggiuntiva che in alcune località d’Italia, tra le quali Bergamo, i pronto soccorso sono stati sommersi di pazienti che richiedevano aiuto per affrontare il loro malessere. Se si è stati contagiati dall’influenza stagionale il consiglio è quello di rimanere il più possibile al riposo: uscire nel pieno della sintomatologia non servirà ad altro che allontanare i tempi di guarigione. Il sistema immunitario per combattere il virus ha bisogno di un corpo il più possibile riposato e non sottoposto a stress. In caso di febbre alta, superiore ai 38,5 gradi,  si può assumere del paracetamolo o un altro antipiretico al fine di fare scendere la temperatura. E’ sconsigliato assumere altri medicinali a meno che prescritti dal medico. Anche la dieta dovrà essere rivista al fine di aiutare il corpo a riprendersi: frutta e verdura dovranno essere gli alimenti principali consumati. Brodo e pesce posso aiutare a mantenere l’idratazione ed  a fare in modo che la persona possa assorbire i nutrienti necessari.

Photo Credits | Voyagerix / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>