Tubercolosi, 7 cose da sapere

di Valentina Cervelli 0

La tubercolosi è una malattia ancora diffusa in diverse parti del mondo nonostante gli antibiotici e l’avanzare della medicina. In occasione della Giornata Mondiale che la riguarda il prossimo 24 marzo, vediamo insieme le 7 cose da sapere su questa patologia.

1. Contagio ancora vasto

Nel 2014 sono state più di 9 milioni le persone che in tutto il mondo hanno contratto la tubercolosi. E questo nonostante i progressi fatti nella prevenzione della malattia.

2. Troppi morti

Nel 2014 il numero delle vittime ha superato il milione e mezzo. Quasi quattrocentomila di queste vittime erano malate anche di HIV. Con i medicinali attualmente a disposizione si dovrebbe raggiungere una completa guarigione dalla tubercolosi. I decessi sono stati registrati per la maggior parte nei paesi poveri e tra le donne di età compresa tra i 15 ed i 40 anni.

3. Tubercolosi infantile da combattere

Sono ancora troppi i bambini che si ammalano di TBC trovandosi a contatto con famigliari malati. E’ necessaria un’adeguata profilassi e ancor di più una prevenzione corretta.

4. E’ l’infezione secondaria più comune con l’HIV

I malati di HIV hanno una maggiore facilità di contagio. I batteri della tubercolosi trovano terreno fertile molto più di altre malattie nel sistema immunitario debilitato dal virus che causa l’AIDS.

5. Rispetto al passato i morti calano

Grazia ai progressi della medicina ed a campagne di prevenzione mirate i contagi da TBC, per quanto rimangano ancora molto alti in alcune zone del mondo, sono calati sensibilmente tra il 1990 ed oggi. L’obiettivo è quello di eradicare la malattia completamente in tempi adeguati. Nonostante gli sforzi, però, il mondo è ancora lontano da quell’obiettivo.

6. Africa il paese più colpito

Sebbene la maggior parte dei contagi da tubercolosi sia relativo alle aeree del Pacifico e dell’Asia, è l’Africa il paese con il maggiore numero di nuovi malati ogni anno.

7.  Ceppo resistente agli antibiotici difficile da curare

L’uso scorretto dei medicinali anti-tubercolosi ha portato allo sviluppo di un ceppo resistente ai farmaci che difficilmente si riesce a curare e che è causa della maggior parte dei decessi relativi alla malattia.

Photo Credits | Jarun Ontakrai / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>