Le infezioni accelerano il processo dell’Alzheimer

di Paola Commenta

Beccarsi un raffreddore o qualsiasi altra infezione potrebbe causare maggiore perdita di memoria nelle persone con il morbo di Alzheimer. Lo spiega un nuovo studio dell’Università di Southampton pubblicato sulla rivista Neurology.

L’Alzheimer è una forma di demenza in genere diagnosticata dopo i 65 anni. Mentre i sintomi possono essere i più disparati, sicuramente il più familiare è la perdita di memoria. In un primo momento, i vuoti di memoria sono lievi, come dimenticarsi di un fatto recente o la difficoltà ad apprendere nuove informazioni; ma a poco a poco la malattia progredisce in modo che si perdono i vecchi ricordi e si hanno sempre più difficoltà a parlare. I meccanismi biologici che causano la malattia e la peggiorano non sono ancora ben compresi, ma la nuova ricerca suggerisce che le infezioni potrebbero velocizzare la progressione.

Gli scienziati sanno da tempo che le persone che hanno contratto le infezioni acute possono sperimentare una grave perdita di memoria temporanea, ciò che è noto come “delirio” o “delirium”, e che i malati di Alzheimer sono particolarmente sensibili ai deliri dopo una malattia. Ma il nuovo lavoro analizza l’impatto al di là di questo tipo di perdita di memoria temporanea.

Questa ricerca dimostra che le infezioni anche molto lievi, che non sono abbastanza forti per causare un delirio, possono causare una perdita a lungo termine o permanente

ha spiegato l’autore dello studio Clive Holmes. Lo studio ha esaminato 222 persone affette da morbo di Alzheimer, con un’età media di 83 anni. Le loro capacità cognitive e i valori del sangue sono stati testati all’inizio dello studio e poi altre tre volte nel corso dei sei mesi successivi. Al loro medico personale venivano richieste notizie di eventuali infezioni o lesioni accidentali dei pazienti che potrebbero essergli accaduti durante il periodo di studio.

Un totale di 110 soggetti ha sviluppato un’infezione o lesioni, e la loro perdita di memoria si è verificata ad un tasso doppio di quelli che non si ammalavano. I ricercatori sospettano che la perdita di memoria sia legata ad una proteina correlata all’infiammazione che circola nel sangue durante l’infezione. Il colpevole è chiamato potenziale fattore di necrosi tumorale-alfa. I ricercatori hanno trovato livelli elevati di queste proteine nei pazienti che avevano sviluppato un’infezione e quindi un’accelerata nella perdita di memoria.

Inoltre, i partecipanti allo studio che avevano alti livelli di proteine nel sangue, all’inizio dello studio, avevano quattro volte il tasso di perdita della memoria, rispetto a quelli con bassi livelli della proteina all’inizio del studio. Coloro che avevano entrambi i livelli di inizio elevati e hanno sviluppato un’infezione hanno perso 10 volte in più la memoria.

Holmes e i suoi colleghi pensano che la perdita di memoria potrebbe accadere perché la proteina invia un segnale al cervello che

fa sì che il cervello in una persona con il morbo di Alzheimer possa rispondere, provocando un forte aumento delle molecole infiammatorie nel cervello.

Questi aumenti sono molto maggiori di quelli che si verificano in una persona senza il morbo di Alzheimer e finiscono per causare maggiori danni al cervello.

[Fonte: Livescience]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>