Sclerosi multipla, combattila con un tweet

di Valentina Cervelli Commenta

Combattere con un tweet la sclerosi multipla insieme all’ignoranza che la circonda. E’ questa una delle iniziativa che avranno luogo in tutto il mondo e contemporaneamente in occasione della Giornata Mondiale contro la malattia prossimo 25 maggio.

Nasce infatti “Tweetathon“, una maratona Twitter globale di 24 ore al fine di sensibilizzare la popolazione sulla sclerosi multipla. Non solo per ciò che concerne l’aspetto prettamente medico-specialistico ma anche per ciò che riguarda l’impatto che la patologia ha sui malati e sui loro caregiver. Verranno utilizzati per l’iniziativa gli hashtag #strongerthanMS e #MSDay24 per testimoniare ancora una volta come la sclerosi rende più difficile l’esistenza ma non ferma la vita.

Secondo lo schema stabilito dagli organizzatori di questa campagna (la Merck Serono,N.d.R.), i primi tweet verranno lanciati nella rete dall’Australia e poi man mano proseguiranno per 24 ore per tutti i restanti 20 paesi che hanno accettato ufficialmente di farne parte. Come spiega Antonio Messina, il presidente di Merck:

Per la Giornata di quest’anno, abbiamo voluto mettere a disposizione il nostro network globale per dimostrare il nostro impegno e la nostra vicinanza nei confronti di tutti i pazienti del mondo. Twitter, attraverso il nostro account ci aiuterà a diffondere il messaggio di sensibilizzazione sulla SM da una nazione all’altra e a manifestare il nostro sostegno a tutte le persone che convivono con questa malattia.

E’ importante ricordare che la sclerosi multipla è una malattia neuro-degenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale e che riguarda il danneggiamento della mielina, la sostanza che ricopre i nervi. Essa consente la trasmissione veloce delle comunicazioni nervose: quando ciò non avviene si possono sperimentare sintomi che variano in base alla progressione della malattia stessa e che possono comprendere debolezza, difficoltà di movimento degli arti e problemi alla vista.

E’ importante favorire la conoscenza sulla patologia per favorire la ricerca e quindi il miglioramento delle condizioni di vita.

Ti potrebbe interessare:

Sclerosi multipla cure, sintomi, diagnosi, cause

Photo Credits | Vanatchanan / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>